Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Gruppo Dema, Fim-Fiom-Uilm Campania: »750 Lavoratori rischiano il licenziamento»

Gruppo Dema, Fim-Fiom-Uilm Campania: »750 Lavoratori rischiano il licenziamento»
(PRIMAPRESS) - NAPOLI -  “Nella giornata del 12 maggio le organizzazioni sindacali Nazionali e Territoriali unitamente alle RSU di DEMA-CAM-DAR hanno incontrato la Direzione Aziendale per riprendere il confronto, interrotto durante l’emergenza COVID19, sulla ristrutturazione del debito e del piano industriale prospettato dall’azienda nell’ultimo incontro del 10 dicembre 2019 avvenuto presso il Ministero dello Sviluppo Economico. La critica e drammatica situazione che si sta determinando, per quanto ci risulta, a causa delle difficoltà a concordare la rimodulazione del debito nei confronti dell’INPS rischia di produrre un ulteriore dramma sociale, nella nostra Regione, con il licenziamento dei 750 Lavoratori e l’ulteriore grave impoverimento delle famiglie e del territorio. Per queste motivazioni e per le ulteriori difficoltà legate al quadro di mercato ed industriale determinate dalla pandemia Covid-19, abbiamo avanzato una richiesta di incontro urgente al Ministero dello Sviluppo Economico, al Ministero del Lavoro e ai Presidenti delle Regioni Campania. Chiediamo, per tanto, al Presidente e agli Assessori della Regione Campania di interloquire con i livelli istituzionali nazionali affinchè si convochi urgentemente il tavolo di confronto chiesto da FIM-FIOM-UILM Nazionali e garantendo la presenza della Regione Campania, al fine di individuare le soluzioni che impediscano un ulteriore dramma occupazionale che coinvolgerebbe i Lavoratori, le loro famiglie ed il territorio.” Lo dichiarano in una nota congiunta i Segretari Generali Raffaele Apetino della Fim-Cisl Campania, Massimiliano Guglielmi della Fiom-Cgil Campania e Antonio Accurso della Uilm-Uil Campania». - (PRIMAPRESS)