Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Riparte il Ravello Festival dal 21 giugno al 20 settembre

(PRIMAPRESS) - Nuovo appuntamento con il Ravello Festival 2014, che quest'anno apre dal 21 giugno al 20 settembre, una delle rassegne di punta del panorama italiano.
Come ogni anno in grado di accogliere nella splendida cittadina di Ravello, e su quella splendida terrazza mozzafiato del Belvedere di Villa Rufolo, nel cuore della Costiera Amalfitana, tanti appasionati da tutto il mondo. Un programma ricco di appuntamenti, dalla musica sinfonica e da camera al pop senza dimenticare il jazz, la danza, mostre prestigiose di arti visive e gli “incontri di parola”.
I biglietti per i singoli eventi saranno disponibili in prevendita a partire dal 16 maggio (qui), per informazioni questo il numero dell'Infoline: 089 858422.

Il tema conduttore del Ravello Festival 2014, il cui video promo è visibile a questo (link) , sarà “Sud”.
Inaugurazione il 21 giugno con uno spettacolo di e con Danilo Rea ed Isa Danieli dedicato a Eduardo De Filippo, nel trentennale della morte, e nato su commissione del Ravello Festival.
Il Ravello Festival 2014 mette insieme una serie di star straordinarie del mondo pop e jazz come Chick Corea con Stanley Clarke, Hevia, Burt Bacharach e il compositore francese di colonne sonore Alexandre Desplat. Inoltre ci saranno concerti di Michel Camilo, Jean Luc Ponty, Kronos Quartet, Regina Carter, Fabrizio Bosso diretto da Peppe Vessicchio e tanti altri.
Ogni fine settimana il Festival presenterà un’orchestra sinfonica prestigiosa: la London Symphony Orchestra sarà diretta, per l’unica volta in questo 2014, da Daniel Harding; la Orchestre National de France verrà affidata al suo direttore musicale Daniele Gatti, l’Orchestra Sinfonica di Lucerna avrà al proprio fianco la violinista Viviane Hagner; e poi ancora l’Orchestra cinese di Qingdao e la Filarmonica Nazionale Armena. L’Italia sarà invece rappresentata dalla Filarmonica del Regio di Torino, sotto la guida illustre di Gianandrea Noseda per una grande serata wagneriana impreziosita dalla voce di Evelyne Herlitzius; e inoltre dall’Orchestra del Teatro San Carlo di Napoli, che chiuderà il cartellone del festival con Juraj Valcuha sul podio ed il violoncello di Alban Gerhardt, oltre che dall’Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova e dalla OGI di Fiesole. Un cenno a parte merita il ritorno della straordinaria Martha Argerich, solista nel Concerto di Ravel con l’Orchestra Giovanile dello Stato di Bahia.

Oltre cinquanta gli eventi in cartellone, con una fitta schiera di grandi voci italiane e internazionali che si alterneranno sul palco straordinario: il 27 giugno la regina del fado portoghese Dulce Pontes, per la prima data della stagione in Italia; Il 6 luglio Pino Daniele in acustico con la magia del blues made in Napoli; 23 sarà protagonista la giovane cantautrice statunitense Chrysta Bell con l’unica data estiva in Italia; 29 sarà la volta del fascino esotico della morna (musica e danza tipica di Capo Verde), reinterpretata della giovane Mayra Andrade, considerata l’erede della grande Cesaria Evora.
2 agosto Sergio Cammariere in quintetto; 9 Teresa De Sio accompagnata da Roy Paci alla tromba; 19 Asaf Avidan. Tra le artiste italiane, segnaliamo la presenza di Maria Pia De Vito, la pianista Giulia Mazzoni e le cantautrici Ylenia Lucisano e Parisse.

In cartellone anche molti spettacoli teatrali, tra cui “Con el respiro del Tango” di Luis Bacalov e Michele Placido (un’altra prima assoluta) e “Memorie di una schiava”, con Pamela Villoresi e Baba Sissoko. Non mancherà la grande danza con due compagnie americane, la Ailey II Dance Company, punto di riferimento nel repertorio contemporaneo, e Les Ballets de Trockadero, con il suo Lago dei cigni tutto al maschile. Ravello Festival offrirà anche una serie di grandi mostre di arti visive. Tony Cragg farà di Villa Rufolo e della terrazza Niemeyer un museo a cielo aperto e la sua mostra (a cura di Flavio Arensi) dal 21 giugno al 31 ottobre si preannuncia come uno dei grandi eventi della stagione italiana. Inoltre per il 2014 la collaborazione con Mimmo Paladino ha reso possibile il coinvolgimento di Wang Guangyi, illustratore cinese diventato celebre, in tutto il mondo, con il suo ciclo “Great Criticism”, che ha disegnato il poster d’autore del Festival 2014.

L’elegante Belvedere di Villa Rufolo farà da cornice esclusiva alla manifestazione, diventando il punto di riferimento privilegiato del Ravello Festival, che si avvarrà anche dell’affascinante Sala dei Cavalieri, nei giardini della Villa amati da Wagner, per gli spettacoli più raccolti e i concerti cameristici, dell’Auditorium Oscar Niemeyer, per poche occasioni di spicco oltre che eccezionalmente delle strade e delle piazze di Ravello. - (PRIMAPRESS)