Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Vino: i 40 anni dello spagnolo Ribera del Duero con i colori dei vigneti che tingono la Castiglia e il Léon

Vino: i 40 anni dello spagnolo Ribera del Duero con i colori dei vigneti che tingono la Castiglia e il Léon
(PRIMAPRESS) - MILANO - C'è una storia di passione dietro i primi 40 anni di Ribera del Duero, il vino spagnolo prodotto nell’alta valle del Duero, nella regione di Castiglia e León. Era il 21 luglio del 1982 quando, nella stazione della metropolitana del Retiro a Madrid, venne firmato l’atto di fondazione della Denominazione di Origine che metteva insieme il miglior protocollo di vinificazione dei produttori del territorio e dando vita al primo Consiglio ufficiale. Il  23 luglio, nella suggestiva piazza del Coso di Peñafiel, al Consiglio si uniscono la Provincia di Valladolid e la Ruta del Vino – la strada del vino - per rendere omaggio a chi creò un progetto di respiro internazionale, celebrando una tradizione storica che raggruppa un centinaio di località tra BurgosSoriaSegovia Valladolid. Il progetto iniziale venne avviato da una decina di osterie e cooperative, aiutate dalle amministrazioni del territorio; oggi sono una grande famiglia di 307 produttori e circa 9 mila viticultori, una realtà che ha cambiato la vita del territorio rurale, che è diventato un motore economico, sociale e culturale dimostrando che Ribera del Duero è molto più che un semplice vino: è vita, sviluppo, unione e prosperità. 
Il Consiglio ufficiale del Ribera del Duero, l’organismo che garantisce l’autenticità dei vini di questa regione, assicura che ogni bottiglia con la sua etichetta abbia superato rigorosi controlli di qualità. 4 decenni dopo la fondazione, la DOC è un riferimento internazionale di vino di qualità presente in oltre 100 Paesi; esporta il 18,2% della sua produzione mentre la quota nazionale di mercato cresce ogni anno: il 10,4% in volume e il 16,8% in valore tra tutti i vini DOC. Ribera del Duero, inoltre, è un esempio di viticultura, enologia e produzione sostenibile. 
Le celebrazioni per il quarantennale inizieranno sabato nella piazza del Coso di Peñafiel; a mezzogiorno l’incontro con i fondatori del DOC Ribera del Duero, poi la festa che si protrarrà fino alle 2 di notte. Si esibiranno il gruppo di musica popolare Nuevo Mester de Juglaría, Petit Pop e il duo musicale Fetén Fetén, che celebra i suoi 10 anni di carriera; poi il musical show di Carlos Areces e, per terminare la festa, Los 40 con il dj David Alvarez. Per tutto il giorno 16 osterie presenteranno i propri vini, in alcuni casi accompagnandoli con una proposta gastronomica, e tanti saranno le bottiglie in vendita a prezzi speciali alle “casetas”. Nel pomeriggio due degustazioni con il somellier Rubén Arranz, alle 18 e alle 19,30, al Centro Agroalimentario di plaza del Reoyo al civico 2: l’accesso è limitato a 25 persone e ci si potrà iscrivere pagando 10 euro nelle “casetas” di piazza del Coso. I festeggiamenti si replicheranno il 6 agosto a San Esteban de Gormaz (Soria) e il 20 agosto a Roa (Burgos). - (PRIMAPRESS)