Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Salute. Rapporto Civico 2022 Pella (Commissione Bilancio Camera): “Colmare le diseguaglianze del territorio”

Salute. Rapporto Civico 2022 Pella (Commissione Bilancio Camera): “Colmare le diseguaglianze del territorio”
(PRIMAPRESS) - ROMA - "Il Rapporto Civico 2022 sulla Salute, presentato oggi da Cittadinanzattiva, invita al massimo impegno per colmare le disuguaglianze territoriali e garantire pieno accesso alle cure per tutti i cittadini", lo ha affermato Roberto Pella, Capogruppo Commissione Bilancio della Camera (FI). "Il lascito della pandemia é totalmente sconfortante dai dati dell'indagine emersi: quasi due anni di attesa per una mammografia, circa un anno per una ecografia, una tac o un intervento ortopedico; rinuncia alle cure nel corso del 2021 per più di un cittadino su dieci; screening oncologici in ritardo in oltre la metà dei territori regionali e coperture in calo per i vaccini ordinari. Risulta essenziale una presa di consapevolezza a livello istituzionale di questi dati e una conseguente azione di programmazione e implementazione delle risorse stanziate dal PNRR: dalle case di comunità alla digitalizzazione, dall'offerta dei servizi di prossimità alla formazione degli operatori, dobbiamo puntare a realizzazione una vera e propria integrazione socio-sanitaria all'interno di reti territoriali dove il cittadino, prima ancora che paziente, possa beneficiare, equamente su tutto il territorio, di servizi, assistenza, cure e trattamenti. Serve un'azione sinergica tra i livelli che, a vario titolo, sono coinvolti da sanità e salute e serve più dialogo tra le competenze. Tra gli esiti positivi sicuramente la pandemia ha portato solidarietà e fiducia nella ricerca, come supporto al processo decisionale, e da tali aspetti bisogna ripartire per costruire relazioni solide di fiducia e il Servizio Sanitario Nazionale del prossimo futuro. - (PRIMAPRESS)