Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Serie A, il Napoli perde al Maradona con la Fiorentina: il sogno scudetto si allontana

L'esultanza di Mertens dopo la rete realizzata alla Fiorentina
Vincenzo Di Monda L'esultanza di Mertens dopo la rete realizzata alla Fiorentina
(PRIMAPRESS) - NAPOLI - Il Napoli perde 2-3 al Maradona con la Fiorentina e vede sfumare una grande occasione per rimanere al passo delle dirette concorrenti al titolo. Difficile, se non impossibile, per la squadra di Spalletti, domare la Fiorentina. Ciò appare chiaro fin dalle prime battute del match. Il Napoli macina gioco, manovra, possiede palla ma poco o nulla di tutto ciò si trasforma in vere occasioni da gol. Il primo vero brivido del primo tempo lo regala il gol annullato a Osimhen per fuorigioco al quattordicesimo minuto. Il nigeriano realizza su passaggio di  Zielinski, ma è in offside. Al ventinovesimo il vantaggio viola, grazie ad una rete di Nico Gonzalez che raccoglie un cross di Biraghi. La palla carambola da Duncan a Cabral che favorisce l’argentino il quale realizza il suo primo gol in trasferta in questo torneo. A inizio ripresa entra Lozano per Politano. Azzurri all’arrembaggio. Al quarantottesimo Zanoli penetra sulla face e crossa per Osimhen ma l’attaccante azzurro con raccoglie. Al cinquantaseiesimo la sostituzione decisiva, entra Mertens per Fabian Ruiz, solo due minuti dopo Osimhen mette il pallone all'indietro per Mertens che trafigge Terracciano. Al sessantaseiesimo Ikonè, appena entrato al posto di Saponara, riporta in vantaggio i viola, palla a sinistra per l'attaccante francese che supera Ospina. Il momentaneo 1-3 lo è ad opera di Cabral al settantunesimo. Lobotka lo lascia andare il brasiliano che realizza un gol da manuale. Al minuto ottantaquattro Osimhen illude il pubblico del Maradona, è il il gol del 2-3. Stop di petto e palla in rete. Il resto del match offre pochi spunti di cronaca. Resta sul tappeto verde del Maradona l’amarezza per l’ennesima chance, forse l’ultima, che questo campionato poteva offrire al Napoli.  - (PRIMAPRESS)