Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Ue: siglato accordo dai paesi membri per la riduzione del 15% di domanda di gas per l'inverno

  • di RED-ROM
  • in Mondo
Ue: siglato accordo dai paesi membri per la riduzione del 15% di domanda di gas per l'inverno
(PRIMAPRESS) - BRUXELLES - L'Europa non può restare passivamente appesa al bocchettone del gas dei due mega-condotti Stream della Russia nel tentativo di aumentare la sicurezza dell'approvvigionamento energetico degli Stati membri. Ecco perchè oggi hanno raggiunto oggi un accordo politico su una riduzione volontaria della domanda di gas naturale del 15% questo inverno. Il regolamento del Consiglio prevede anche la possibilità di attivare una "allerta dell'Unione" sulla sicurezza dell'approvvigionamento, nel qual caso la riduzione della domanda di gas diventerebbe obbligatoria. Lo scopo della riduzione della domanda di gas è quello di risparmiare prima dell'inverno per prepararsi a possibili interruzioni delle forniture di gas dalla Russia che utilizza continuamente le forniture di energia come arma. "L'UE è unita e solidale - si legge in una nota del Consiglio europeo - La decisione odierna ha mostrato chiaramente che gli Stati membri resisteranno a qualsiasi tentativo russo di dividere l'UE utilizzando le forniture energetiche come arma. L'adozione della proposta di riduzione del gas in tempi record ha senza dubbio rafforzato la nostra sicurezza energetica comune " Risparmiare gas ora migliorerà la preparazione. L'inverno sarà molto più economico e più facile per i cittadini e l'industria dell'UE." Così ha dichiarato Jozef Síkela, ministro ceco dell'industria e del commercio incaricato nel semestre europeo. Gli Stati membri hanno convenuto di ridurre la domanda di gas del 15% rispetto al consumo medio degli ultimi cinque anni, tra il 1 agosto 2022 e il 31 marzo 2023, con misure di propria scelta. L'Ungheria non ha votato il provvedimento. - (PRIMAPRESS)