Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV
×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 985
JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 1153

Mobilità: partnership tecnologica tra Uber e itTaxi con lo zampino dell'inglese Splyt

  • di RED-ROM
  • in Italia
Mobilità: partnership tecnologica tra Uber e itTaxi con lo zampino dell'inglese Splyt
(PRIMAPRESS) - ROMA - Dopo tanti scontri e battaglie consumate a colpi di scioperi e proteste, tra Uber e il servizio di Taxi urbano è pace fatta. Uber, piattaforma globale di mobilità urbana, e ItTaxi, primo operatore italiano per servizi taxi, hanno siglato un accordo, altamente innovativo, che consentirà agli utenti dei servizi di trasporto pubblico privato di avvalersi, a mezzo radiotaxi, di oltre 12.000 mezzi ed operatori di cui dispone ItTaxi. L’accordo pone fine ad una lunga diatriba riguardante le procedure adottate da Uber e consentirà, nel rispetto della vigente normativa italiana, una consistente riduzione dei tempi di attesa e un miglioramento dei servizi di radiotaxi a beneficio degli utenti. 
La partnership di fatto, riforma il servizio anche dal punto di vista tecnologico grazie all’intervento di Splyt, partner di diritto inglese, che ha consentito di integrare i sistemi di interconnessione fra Uber e ItTaxi. La materiale attuazione dell’accordo riguarderà inizialmente le città di Milano e di Roma e si espanderà, mano a mano, alle altre città italiane. Uber è stata assistita da Hogan Lovells, ItTaxi da Longo & Rossetti, Splyt da Carnelutti UK e Orrick. - (PRIMAPRESS)