Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Caro energia, Bonomi (Confindustria): “Bisogno di interventi strutturali”. Arera prevede costi al 55% per le famiglie

  • di RED-ROM
  • in Italia
Caro energia, Bonomi (Confindustria): “Bisogno di interventi strutturali”. Arera prevede costi al 55% per le famiglie
(PRIMAPRESS) - ROMA - "Il caro energia è la mina sulla strada della ripresa. Quest'anno l'industria pagherà una bolletta di 37 miliardi rispetto agli 8 degli anni passati. Abbiamo bisogno di interventi strutturali e non più congiunturali". Queste le parole del presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, ospite al Tg1. "C'è la necessità che si aumenti la disponibilità di energia per l'impresa italiana, sia attraverso l'aumento del gas italiano, sia l'aumento delle energià disponibili", ha aggiunto Bonomi.
A rincarare la dose c'è Arera, l'Autorità dell'energia che conferma, nonostante gli interventi straordinari del Governo, che il costo dell'energia elettrica per la famiglia tipo italiana sarà del 55% nel primo trimestre del 2022. Lo afferma il presidente di Arera Stefano Besseghini. Il prezzo di riferimento per il cliente tipo è passato da 20,06 centesimi di euro per chilowattora del primo trimestre del 2021 a 46,03 centesimi per chilowattora nel primo trimestre del 2022. Nello stesso periodo per il gas naturale si è passati da 70,66 a 137,32 centesimi di euro per metro cubo. - (PRIMAPRESS)