Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Sanzioni Russia: ecco il quinto pacchetto Ue. Borrell: “Prendiamo di mira il Cremlino non il popolo russo”

  • di RED-ROM
  • in Europa
Sanzioni Russia: ecco il quinto pacchetto Ue. Borrell: “Prendiamo di mira il Cremlino non il popolo russo”
(PRIMAPRESS) - BRUXELLES - Il Consiglio europeo ieri ha deciso di imporre misure restrittive ad altre 217 persone e 18 entità in risposta all'aggressione militare russa ingiustificata e non provocata in corso contro l'Ucraina e ad altre azioni che minano o minacciano l'integrità territoriale, la sovranità e l'indipendenza dell'Ucraina. Ma vediamo nel dettaglio di che si tratta nella nota dell'Alto Commissario per gli Affari Esteri  JosepBorrell che ieri era presente insieme al Presidente Ursula von der Leyen nella visita in Ucraina per incontrare Vladimir Zelensky.
"Stiamo nuovamente rafforzando i nostri elenchi di sanzioni e aggiungendo più persone della politica, del settore imprenditoriale e di coloro che sono impegnati in attività di propaganda, insieme a più entità dei settori finanziario, militare, industriale e dei trasporti. Il nostro obiettivo è chiaro: non stiamo prendendo di mira il popolo russo ma persone in particolare. Stiamo prendendo di mira il Cremlino, le élite politiche ed economiche che sostengono la guerra di Putin in Ucraina. Lo scopo delle nostre sanzioni è fermare il comportamento sconsiderato, disumano e aggressivo delle truppe russe e chiarire ai decisori al Cremlino che il loro l'aggressione illegale ha un costo elevato".
Le 217 persone elencate includono alti funzionari del Cremlino, oligarchi - Moshe Kantor, Boris Rotenberg e Oleg Deripaska -, altri importanti uomini d'affari coinvolti in settori economici chiave come l'energia, la finanza, i media, la difesa e l'industria delle armi, nonché sostenitori della disinformazione e manipolazione delle informazioni, diffondendo sistematicamente la falsa narrativa del Cremlino sulla situazione in Ucraina.
L'elenco comprende anche i familiari di soggetti già sanzionati, in considerazione del fatto che beneficiano del regime o per impedire l'elusione delle sanzioni comunitarie. Queste designazioni includono Maria Vladimirovna Vorontsova ed Ekaterina Vladimirovna Tikhonova, le figlie del presidente russo Vladimir Putin. Infine, sono inseriti nella lista nera anche i cosiddetti ministri e i membri del “Consiglio popolare” della cosiddetta “Repubblica popolare di Donetsk” e della “Repubblica popolare di Luhansk”.
I 18 soggetti sanzionati includono quattro grandi banche russe (Bank Otkritie, Novikombank, Sovcombank e VTB), una società attiva nel settore dei trasporti e di proprietà della Federazione Russa, e società del settore della difesa militare la cui tecnologia o prodotti hanno giocato un ruolo ruolo nell'invasione
"La decisione fa parte di un quinto pacchetto di misure restrittive imposte dall'UE contro la Russia in vista della sua aggressione militare contro l'Ucraina". Ha detto Borrell.
Complessivamente, le misure restrittive dell'UE ora si applicano a un totale di 1091 persone e 80 entità. Le persone designate sono soggette a blocco dei beni e ai cittadini e alle imprese dell'UE è vietato mettere a loro disposizione fondi. Le persone fisiche sono inoltre soggette a un divieto di viaggio, che impedisce loro di entrare o transitare nei territori dell'UE.
"La guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina viola gravemente il diritto internazionale e sta causando enormi perdite di vite umane e danni ai civili. La Russia sta dirigendo attacchi contro la popolazione civile e sta prendendo di mira oggetti civili, inclusi ospedali, strutture mediche, scuole e rifugi. Questi crimini di guerra devono cessare immediatamente. I responsabili e i loro complici saranno tenuti a rispondere ai sensi del diritto internazionale. L'assedio di Mariupol e di altre città ucraine e la negazione dell'accesso umanitario da parte delle forze militari russe sono inaccettabili. Le forze russe devono fornire immediatamente percorsi sicuri verso altre parti dell'Ucraina, nonché aiuti umanitari da consegnare a Mariupol e ad altre città assediate.
Il Consiglio europeo chiede che la Russia fermi immediatamente la sua aggressione militare nel territorio dell'Ucraina, ritiri immediatamente e incondizionatamente tutte le forze e l'equipaggiamento militare dall'intero territorio dell'Ucraina e rispetti pienamente l'integrità territoriale, la sovranità e l'indipendenza dell'Ucraina all'interno dei suoi confini internazionalmente riconosciuti".
Gli atti giuridici pertinenti, compresi i nomi delle persone fisiche e delle entità elencate, sono stati pubblicati nella Gazzetta ufficiale dell'UE. - (PRIMAPRESS)