Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Energia: Mattarella a Cernobbio sollecita una risposta urgente dell’Ue che accumula ritardi

Energia: Mattarella a Cernobbio sollecita una risposta urgente dell’Ue che accumula ritardi
(PRIMAPRESS) - CERNOBBIO - La seconda giornata del Forum Ambrosetti sulle rive del lago di Como si è aperta con un intervento del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "Il vertiginoso innalzamento dei prezzi dell'energia (...) costituisce uno dei nodi più critici del momento attuale.E' necessaria e urgente una risposta europea (...). I singoli Paesi non possono rispondere con efficacia". Così il presidente nel suo messaggio al Forum economico. Solo l'Ue può "calmierare i prezzi dell'energia, sostenendo le attività produttive, assicurando i servizi ai cittadini e (...) agendo sul terreno delle energie rinnovabili, confermando concreta solidarietà all'Ucraina", afferma. Una posizione condivisa da diversi partiti politici in Italia e dalla stessa presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen ma non è così per diversi paesi membri. Gli occhi sono puntati sul prossimo appuntamento dei ministri dell'Energia che tuttavia arriva con molto ritardo su una questione diventata di estrema urgenza per la sopravvivenza delle aziende maggiormente energivore.
"L'aumento gas costa 3% del Pil rischia di salire fino a 100 miliardi di euro". A dirlo intervenendo a Cernobbio è il ministro dell'Economia Daniele Franco.  "Era di 43 miliardi nel 2021 e un aumento di 60 miliardi significa 3 punti di Pil e significa un deflusso di risorse dall'Italia verso l'estero". Sul tema dell'energia il Governo inter- verrà la prossima settimana con un decerto legge anche se inseguire l'aumento dei prezzi non basta più, perchè "il punto più importante è ridurre il prezzo" del gas. Ha aggiunto Franco. - (PRIMAPRESS)