Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Aiuti Ucraina: Draghi riferisce al Senato tirando dritto. Pochi applausi e l’incognita M5S

Aiuti Ucraina: Draghi riferisce al Senato tirando dritto. Pochi applausi e l’incognita M5S
(PRIMAPRESS) - ROMA - Nel suo discorso al Senato sugli aiuti armati all'Ucraina Draghi va avanti dritto per la sua strada: questo governo ha già avuto un mandato dal Parlamento dice il premier senza accennare minimamente alle diverse posizioni dei partiti ma soprattutto quella del M5S. Draghi ha elencato tutta l'artività necessaria messa in atto con lo scaturire del conflitto tra Russia ed Ucraina. E ribadisce il convinto sostegno dell'Italia a Kiev e la collocazione internazionale atlantista e europeista del nostro Paese. Ma le acque della maggioranza sono agitate, dopo l'altolà del M5S che chiede che il Parlamento sia coinvolto su nuove eventuali armi a Kiev.Un'intesa appare lontana e il discorso di Draghi suona anche come un out out per i "ribelli". Ma un fatto è certo se la posizione del Presidente del Consiglio non viene accettata c'è sola una soluzione le dimissioni di Di Maio da ministro e il M5S dovrebbe uscire dalla maggioranza. accadrà? Difficile pensarlo perchè mentre si dibatte al Senato alla Camera si è creata una fronda anti-Di Maio che raccoglie firme per le dimissioni. - (PRIMAPRESS)