Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

ICS e Aces Italia firmano accordo triennale per incentivare la rete di infrastrutture dei Comuni "virtuosi" dello Sport

ICS e Aces Italia firmano accordo triennale per incentivare la rete di infrastrutture dei Comuni "virtuosi" dello Sport
(PRIMAPRESS) - ROMA - Firmato protocollo d'intesa tra l’Istituto per il Credito Sportivo - banca sociale per lo sviluppo sostenibile dell’Italia attraverso lo Sport e la Cultura - e ACES Europe Delegazione Italia, Federazione delle Capitali e delle Città Europee dello Sport, hanno sottoscritto il loro primo Protocollo d’Intesa per contribuire alla promozione e allo sviluppo della cultura e della pratica sportiva, nell’interesse dei cittadini, delle comunità locali e di tutto il movimento sportivo del nostro Paese. La Delegazione italiana di ACES è stata costituita per essere più vicini ai numerosi municipi italiani che si candidano ogni anno a essere i migliori nel nostro Continente per le diverse categorie di premio istituite da ACES Europe: la Città, il Comune, la Comunità, l’Isola e la Regione Europea dello Sport e che concorrono anche per il Premio di Migliore Capitale Europea dello Sport. L’accordo, siglato dai presidenti Andrea Abodi e Vincenzo Lupattelli, con validità triennale, prevede varie forme di collaborazione finalizzate allo sviluppo di progetti per la diffusione e il rafforzamento delle politiche sportive sul territorio, come investimento a beneficio della qualità della vita e il livello di benessere dei cittadini, da realizzare anche con il ricorso a finanziamenti pubblici (europei, nazionali e locali) e all’eventuale co-finanziamento del Credito Sportivo, con il coinvolgimento dei Comuni premiati. Sono previste iniziative finalizzate alla promozione della cultura dello sport e delle politiche sportive, con particolare riferimento a percorsi, eventi e attività verso le fasce più giovani e socialmente più fragili; nonché incontri di formazione con i Comuni italiani, con l'obiettivo di fornire i supporti necessari a una corretta impostazione dei progetti. Il Protocollo, inoltre, disciplina l’individuazione di strumenti finanziari a supporto dei Comuni relativamente all'adeguamento delle infrastrutture sportive, all'accesso agli impianti da parte dei cittadini, in particolare bambini, disabili e anziani, e alle altre attività previste dal piano presentato dal Comune premiato da ACES. Infine, viene regolamentato un supporto ai Comuni nella preparazione dei dossier di candidatura, con particolare riguardo agli aspetti di finanziabilità del piano, al fine di favorire l'eventuale reperimento delle necessarie risorse e migliorare l'efficacia degli investimenti proposti. “La firma di questo primo protocollo con la Delegazione Italiana di ACES Europe - ha dichiarato il presidente dell’Istituto per il Credito Sportivo, Andrea Abodi - consente di attivare un ulteriore ed efficace strumento di collaborazione, finalizzato alla promozione e allo sviluppo della pratica sportiva nei territori italiani, anche attraverso il miglioramento dei luoghi di sport. Grazie allo storico e proficuo legame di ICS e ACES con gli Enti locali, e alla collaborazione con il Dipartimento per lo Sport della Presidenza del Consiglio dei ministri, sono certo che questo Accordo possa rappresentare un valore aggiunto a sostegno delle progettualità che si candidano ai Premi ACES, perché siano sempre più in grado di generare un positivo impatto sulla qualità della vita e il benessere dei cittadini”. Il presidente di ACES Europe Delegazione Italiana, Vincenzo Lupattelli, ha affermato che “la collaborazione con ICS consentirà di fornire, al network di amministrazioni locali vincitrici del titolo italiano di ‘Comuni dello Sport’, opportunità di informazione e analisi di investimenti per il miglioramento complessivo delle infrastrutture sportive sui territori con l'obiettivo di creare condizioni sempre più incentivanti per un rete di Comuni che guardano al miglioramento della qualità della vita attraverso inclusività e pratica dello sport per ogni fascia d'età come stabilito dalla mission di Aces Italia”. - (PRIMAPRESS)