Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Porti: criticità nella gestione 2020 rilevate dalla Corte dei Conti per l'Autorità del Mar Tirreno

  • di RED-ROM
  • in Economia
Porti: criticità nella gestione 2020 rilevate dalla Corte dei Conti per l'Autorità del Mar Tirreno
(PRIMAPRESS) - ROMA -  L'effetto della pandemia e dei lockdown si è fatto sentire pesantemente sul traffico navale in Italia. A farne le spese anche l'Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno che non passa all'approvazione dei bilanci 2020 della Corte dei Conti. Ecco quanto riportato dall'organo di controllo contabile: "Il piano di risanamento e la successiva procedura di allerta, approvati nel 2021 dall’Autorità di sistema portuale del Mar Tirreno centro-settentrionale per scongiurare la mancata approvazione dei bilanci (tra cui quello 2020), presentano rilevanti elementi di incertezza e non evidenziano una strategia organica che garantisca un equilibrio finanziario duraturo. In tale contesto, è rilevante il valore del contenzioso (304.686.900 euro) coperto dal fondo solo per il 12%, con un avanzo di amministrazione azzerato dagli accantonamenti. Questo è quanto emerge dalla relazione - approvata con Delibera n. 11/2022 - della Sezione controllo enti della Corte dei conti sulla gestione 2020 dell’AdSP Mar Tirreno centro settentrionale, comprensiva dei porti di Civitavecchia, Fiumicino e Gaeta, in cui la magistratura contabile ha confermato il permanere delle criticità connesse alla legittimità della concessione nei confronti della società affidataria del servizio di mobilità. Per la già critica situazione di bilancio 2019 - specifica la Corte - aggravata dalla pandemia nel 2020 e 2021, l’Autorità ha dichiarato lo stato di crisi ed approvato un piano di risanamento che ha consentito l’approvazione, ad aprile 2021, del consuntivo 2020 e del preventivo 2021. Il bilancio di previsione 2022 è stato approvato solo in seguito all’approvazione (ottobre 2021) di un’ulteriore procedura di allerta. In calo, rispetto al 2019, risultano gli accertamenti e le riscossioni 2020 per canoni da concessioni. Si riduce del 23% anche il traffico merci dei tre porti (dai 14,6 milioni del 2019 agli 11,2 milioni di tonnellate 2020), per via della contrazione dei traffici di carbone sul ciclo produttivo della centrale Enel. Diminuisce del 5% il traffico dei containers e i passeggeri si riducono da 4,5 a 1,2 milioni (-74%). La gestione di competenza 2020 chiude con un disavanzo di 4,9 milioni di euro, maggiore rispetto agli 1,3 milioni di quello 2019. In modesta crescita il risultato di amministrazione (da 15,5 a 15,8 milioni di euro), con un disavanzo del risultato economico in aumento da 5,4 a 6,2 milioni. Il patrimonio netto mostra una diminuzione pari al disavanzo economico dell’esercizio, attestandosi a circa 72,4 milioni di euro. - (PRIMAPRESS)