Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Mipel Lab e Lineapelle, il settore spinto dal ritorno a viaggiare secondo l'Ad di Tivoli Group, Stefano Giacomelli

  • di Paolo Silvestrelli
  • in Economia
Mipel Lab e Lineapelle, il settore spinto dal ritorno a viaggiare secondo l'Ad di Tivoli Group, Stefano Giacomelli
(PRIMAPRESS) - CALENZANO (FIRENZE) - Il settore della pelletteria di lusso si prepara all'appuntamento di Mipel Lab e Lineapelle che si terranno dal 22 al 24 febbraio a Fera Milano-Rho. Si tratta del primo grande appuntamento in presenza dopo la pandemia per uno dei settori chiave del Made in Italy.
Il confronto con i mesi del lockdown – in cui il settore aveva subìto flessioni pesantissime – ha favorito una ripartenza ragguardevole sopratutto nel primo semestre del 2021 registrando un +43,1% della produzione industriale, +31,3% l’export in valore trainato dalle multinazionali del lusso, +22,9% le vendite al dettaglio sul mercato interno, +29,5% il fatturato degli Associati raggiunti dalla rilevazione del Centro Studi di Confindustria Moda. Un trend che pur con sensibili variazioni, potrebbe confermarsi nel primo trimestre 2022 e la rassegna milanese sarà un indicatore del mercato.
Le tendenze moda nell'abbigliamento hanno già mostrato il gran ritorno dei cappotti in pelle nei colori dal rosso mattone al tortora e gli accessori seguiranno lo stesso corso. Ma a spingere la piccola pelletteria e la valigeria di lusso sarà la progressiva normalizzazione del turismo con i viaggi di medio e lungo raggio come anticipano gli operatori del settore. "Un trend - come spiega Stefano Giacomelli, membro di Assopellettieri e Ad di Tivoli Group che sarà presente al Mipel Lab - che potrebbe invogliare nuovi marchi di non-pellettieri ad ampliare la propria proposta commerciale sensza doversi stutturare all'interno". "Auspichiamo che il Mipel Lab - prosegue Giacomelli -  possa segnare il ritorno di operatori commerciali stranieri, in particolare europei ed americani  che sono molto attenti al savoir-faire dei distretti artigianali italiani".


- (PRIMAPRESS)