Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Mostre: Vincent Van Gogh a Palazzo Bonaparte di Roma. 50 opere dal Museo di Otterlo

Mostre: Vincent Van Gogh a Palazzo Bonaparte di Roma. 50 opere dal Museo di Otterlo
(PRIMAPRESS) - ROMA - Palazzo Bonaparte a Roma fa da cornice alla mostra dedicata a Vincent Van Gogh, dove si va a ripercorrere la vita dell’artista e i momenti più drammatici e importanti della sua vita, che hanno avuto modo di segnare anche la sua carriera artistica. Il racconto si sviluppa attraverso 50 opere provenienti dal prestigioso Museo Kröller Müller di Otterlo. Il percorso espositivo che presenta un filo conduttore cronologico, fa riferimento ai periodi e ai luoghi dove il pittore visse: da quello olandese, al soggiorno parigino, a quello ad Arles, fino a St. Remy e Auvers-Sur-Oise, dove mise fine alla sua tormentata vita. Il primo giudizio che si può dare alla mostra di Van Gogh a Roma è semplicemente “da non perdere”. Quello di Palazzo Bonaparte è un allestimento ben riuscito, secondo un criterio di sintesi efficace di quanto il geniale artista ha prodotto nel suo turbolento percorso di vita. Dalle opere scaturisce il riflesso di una personalità tormentata, ma le stesse esercitano una forte attrazione psicologica. Van Gogh vede la natura in una forma singolare e irripetibile, suggellando un percorso di contemporaneità indissolubile. Nella visita ci si lascia attrarre dalla fantasmagoria dei colori, come una spirale che porta a immergersi nella suggestione di quanto Van Gogh ha voluto interpretare, talvolta rilasciando sulla tela una espressione onirica. Tra le opere esposte, ce ne sono di meno celebrate ma molto significative dell’attenzione rivolta da Van Gogh ai lavori quotidiani, quali: raccoglitori di patate, tessitori, donne rappresentate nella dimensione domestica. Su tutte, naturalmente l’Autoritratto, esperienza immancabile quando ci si addentra nell’arte di Van Gogh. Infine, l’installazione che riproduce la Notte Stellata, regala effetti immersivi, di rara bellezza. - (PRIMAPRESS)