Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Weekend tra wellness e storia nelle Marche dei Malatesta al resort Terre di Gradara

Weekend tra wellness e storia nelle Marche dei Malatesta al resort Terre di Gradara
(PRIMAPRESS) - GRADARA (PESARO URBINO) - Sul colle di Gradara, all’ombra dell’omonima Rocca dalle imponenti mura merlate che avvolgono il borgo medievale della cittadina di Pesaro Urbino in quella linea di confine tra le Marche e la Romagna, è sorto da poco più di un anno, il Terra di Gradara, un raffinato resort con piscina e spa, realizzato dagli imprenditori Nazzario e Loris Giunta. La struttura ricettiva, ricavata da un casale agricolo dell’800 andato in disuso, è stato sottoposto ad un refitting conservativo trasformando lo spazio al di sopra delle cantine interrate, in una piscina di acqua calda che consente anche nel periodo invernale di lasciarsi coccolare dai tepori benefici e rilassanti con la spettacolare vista della Rocca che ospitò i Malatesta, gli Sforza, i Borgia e i Della Rovere. Quando il giorno lascia il posto alle prime luci della sera, l’atmosfera di questo resort immerso nel verde, si fa magica.
Il Terra di Gradara non ha voluto perdere le sue origini contadine e quella vocazione vinicola di un passato fatto di Sangiovese che ora ha lasciato il posto ad una Malvasia del Chianti con la sua etichetta “Mario” un profumato bianco che rende omaggio al genitore dei fratelli Giunta. Un bianco che arriva sulla tavola del resort a chilometro zero come la maggior parte dei prodotti che formano il curato menù dello chef Alessandro Guerrieri.
In inverno si cena nel dehor a vetri che si affaccia sulla vigna del Borgo dei Borghi e d’estate sul prato che circonda la lunga piscina a sfioro o sulla terrazza-penisola da cui la vista spazia da Est ad Ovest incrociando le campagne marchigiane e le iconiche mura medievali le cui luci ne fanno risaltare l’imponente profilo. È l'occasione per visitare la grande mostra dedicata a Dürer e gli incisori tedeschi del 500 che resterà aperta negli spazi della Rocca fino al 16 febbraio prossimo. - (PRIMAPRESS)