Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Un futuro da sport invernali sulle montagne barbagine della Sardegna che guardano il mare

Un futuro da sport invernali sulle montagne barbagine della Sardegna che guardano il mare
(PRIMAPRESS) - FONNI (NUORO) - Se il “Piano Montagna” disegnato dall’amministrazione comunale di Fonni, nel centro della Barbagia nuorese, dovesse raccogliere consensi, questa parte della Sardegna potrebbe costituire uno dei drive più efficaci per l’allargamento della stagione turistica. È quanto emerso dal convegno su “Innovazione, turismo e impresa: una montagna di opportunità” organizzato dal Banco di Sardegna e l’Azienda speciale della Camera di Commercio di Nuoro a cui hanno preso parte oltre la sindaca di Fonni, Daniela Falconi, il presidente della Camera di Commercio di Nuoro, Agostino Cicalò, l’assessore al Turismo della Regione, Barbara Argiolas, il direttore generale del Banco di Sardegna, Giuseppe Cuccurese e il presidente Antonello Arru. Al centro dell’attenzione la vette innevate del Bruncuspina che con i suoi oltre 1800 metri d’altezza costituisce il potenziale di una delle location più suggestive per gli sport invernali con la sua vista che domina tutto il Golfo di Orosei. Il convegno che ha dato il via anche alla popolare iniziativa delle Cortes Apertas di Autunno in Barbagia, l’apertura dei giardini delle case private per degustazione di prodotti tipici locali  che ogni anno richiama oltre 20 mila persone nel piccolo ma strategico comune barbagino, ha anticipato le date della riapertura e l’ammodernamento dell’impianto di risalita che porta in cima al Bruncuspina. “Con questo convegno - ha sottolineato il Sindaco di Fonni, Daniela Falconi - grazie alla collaborazione del Banco di Sardegna e dell’Aspen, abbiamo voluto mettere a confronto operatori del turismo, imprese ed investitori per creare le condizioni di un’analisi completa delle potenzialità e delle ricadute di un investimento sulla nostra montagna”. Della necessità di fare rete per creare strutture turistiche sostenibili e competitive sul territorio hanno parlato i vertici del Banco di Sardegna, Giuseppe Cuccurese e Antonello Arru che hanno chiuso i lavori del convegno. - (PRIMAPRESS)