Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Gianmarco Vumo: ecco il video di Kyoto Tonight

Gianmarco Vumo: ecco il video di Kyoto Tonight
(PRIMAPRESS) - MILANO - Esce oggi, 27 marzo, il video di Kyoto Tonight: un viaggio onirico in cui si mescolano immagini, profumi e sensazioni antiche e contemporanee. Kyoto è una metafora. È un viaggio onirico, un flusso di coscienza in cui si mescolano immagini, profumi e sensazioni antiche e contemporanee. Ci si ritrova poi, in realtà, fuori da ogni epoca, in un luogo senza tempo. Tra migliaia di templi o nel quartiere Gion, luogo delle “case da tè”, associato alla figura delle Geishe (donne d’arte) e delle Oiran (cortigiane di lusso). Spiritualità ed erotismo si mescolano e contaminano, circondati da continua e ridondante innovazione tecnologica.
L’arrangiamento del brano rispecchia questa unione di tradizione (l’utilizzo del koto, dei taiko e dello shakuhachi) e modernità (chitarra elettrica, sintetizzatori).
La performance della danzatrice (Kea Tonetti) è ispirata al butō, forma di danza contemporanea nata in Giappone tra gli anni ‘50 e ‘60, fondata da Tatsumi Hijikata e Kazuo Ohno. È una danza dell’inconscio, di pensieri e sentimenti sepolti nel profondo, della trasformazione e della compassione. È il viaggio interiore alla ricerca della consapevolezza, della libertà da limitazioni sociali e culturali, del ritorno a un’originaria memoria del corpo. Kyoto Tonight, singolo estratto dall’album d’esordio Emerso, è il primo brano scritto dall’artista, a soli 16 anni. La versione attuale rimane quasi immutata, se non per qualche modifica all’arrangiamento, forte della maturità artistica acquisita negli anni, anche grazie allo studio della musica. In un mondo nel quale “ognuno può essere famoso per 15 minuti”, Vumo mira alla qualità artistica attraverso sequenze armoniche non banali, una scelta delle parole come significanti, ma anche come pure estetica del suono ed un’estrema cura negli arrangiamenti. - (PRIMAPRESS)