Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

La Cineteca di Milano apre gratuitamente il suo archivio per guardare a casa i capolavori del '900

La Cineteca di Milano apre gratuitamente il suo archivio per guardare a casa i capolavori del '900
(PRIMAPRESS) - MILANO - In una Milano blindata ed irriconoscibile dall’emergenza sanitaria del coronavirus, si cercano soluzioni per alleviare la tensione e la condizione di isolamento. E tra la solidarietà di commercianti e l’impegno di chi è preposto ai servizi primari ed essenziali, c’è anche la “settima arte” che dalle sale arriva in casa.  La Cineteca di Milano ha scelto di offrire l’opportunità di accedere gratuitamente al proprio patrimonio archivistico. Attraverso la Videoteca di Morando è possibile consultare una vasta biblioteca di film direttamente da casa grazie al servizio di streaming online, garantendo così l’accesso a materiale dall’indubbio valore storico.
L’iniziativa, lanciata in concomitanza con i primi contagi e gli inviti da parte delle istituzioni a restare nei propri appartamenti, nelle ultime settimane ha visto un aumento delle iscrizioni al servizio che oggi conta circa 30mila utenti provenienti non solo da Milano e dalla Lombardia, ma anche da altre regioni del territorio italiano, in Europa e in diverse zone degli Stati Uniti e dell’America Latina, con visite quotidiane al sito che hanno raggiunto il picco di 70mila utenti nelle ultime settimane.
Nel catalogo online sono attualmente presenti più di 500 titoli e ogni settimana vengono caricati più di 20 film, documentari, spezzoni e materiali di archivio. Sono a disposizione filmati esclusivi, restauri e digitalizzazioni svolte dal MIC Lab di Cineteca Milano. L’ultimo restauro filmico inserito è ‘La morte che assolve’, muto del 1981 di Alberto Lolli. Tra gli ultimi titoli inseriti ci sono ‘Senza sole nè Luna’ di Luciano Ricci, il corto d’animazione ‘Crociato 900’ realizzato da Libero Pensuti e la storica sigla animata ‘Prendi un fiorellino’ ad opera di Guido Manuli. Non mancano materiali legati alla storia meneghina come ‘Cinque anni in un giorno’, documentario sugli effetti del boom economico o i Cinegiornali sui movimenti studenteschi a Milano.
Per accedere al catalogo dei film occorre registrarsi e loggarsi tramite il sito della Cineteca di Milano. - (PRIMAPRESS)