Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Distrofia retinica: 4 istituti italiani impegnati in un trial per un gene sostitutivo dell’occhio

Distrofia retinica: 4 istituti italiani impegnati in un trial per un gene sostitutivo dell’occhio
(PRIMAPRESS) - ROMA - Quattro centri di ricerca italiani a lavoro su una patologia di forma grave e progressiva di distrofia retinica; una malattia rara e genetica dell’occhio che colpisce esclusivamente gli uomini (si stima 1 su 25.000) e causa cecità entro la terza decade di vita. IRCCS Fondazione Bietti di Roma, l’Ospedale San Paolo di Milano e le Università di Napoli (Centro coordinatore) e Firenze al lavoro su un trial che li vede coinvolti con 32 istituti nel mondo. Di fatto, si veicolerà un gene sostitutivo nelle cellule dell’occhio, utilizzando un vettore derivato da un virus inattivato. Più precisamente, verrà iniettato un prodotto genico con un vettore virale Adenovirus-associato di tipo 5. La somministrazione di questo prodotto avverrà attraverso un’iniezione sottoretinica preceduta da vitrectomia standard bilaterale.
La valutazione dei risultati si baserà innanzitutto sulla misurazione delle variazioni del campo visivo dei pazienti per mezzo della perimetria statica. La malattia colpisce, infatti, prima i bastoncelli, le cellule periferiche della retina, compromettendo sia l’estensione del campo visivo sia la visione con poca luce. Il prodotto genico si rivelerà efficace, perciò, se raggiungerà i bastoncelli e se si avvierà la giusta sintesi proteica correlata al gene RPGR, in questo modo portando ad un misurabile miglioramento visivo. - (PRIMAPRESS)