Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Diete di primavera: i segreti della chetogenica spiegati dall’inventore di LightFlow

Diete di primavera: i segreti della chetogenica spiegati dall’inventore di LightFlow
(PRIMAPRESS) - ROMA - Il meteo sembra riconciliarsi definitivamente con la stagione primaverile e le giornate sono diventate meno ventose e più miti tanto da sollecitare a rimettersi in forma prima dell’estate. Puntualmente in questo periodo arrivano i dubbi su quali diete seguire per restituire all’organismo più leggerezza e la dieta chetogenica è quella su cui si appuntano più spesso le curiosità.
"Oggi la ricerca scientifica sta dimostrando che il dimagrimento non è più solo una questione estetica ma una condizione essenziale per la salute dell’organismo.” Ha affermato Fabrizio Mellone, fondatore di LightFlow. “A tal proposito, un numero sempre crescente di esperti, sostiene i benefici dell’alimentazione chetogenica, non solo come regime dimagrante ma anche come strumento per implementare o ripristinare il proprio stato di salute.” “La chetogenica, contrastando l’azione dei radicali liberi, ha proprietà anti-age, oltre che antinfiammatorie.” “Inoltre,” ha continuato Mellone, “grazie ai grassi sani, ripristina l’equilibrio del microbiota intestinale e, soprattutto, quello ormonale. Ad esempio, è stato dimostrato che un’alimentazione chetogenica, riducendo il livello di insulina, le cui oscillazioni causano innumerevoli alterazioni, ripristina i livelli di HGH, l’ormone della crescita, essenziale per: ridurre i fattori di rischio cardiovascolare; promuovere la lipolisi; rinforzare il sistema immunitario; migliorare la memoria; aumentare la densità e la mineralizzazione delle ossa; solo per citarne alcune funzioni. In più, diversi studi hanno evidenziato che l’alimentazione chetogenica è consigliata anche in presenza di patologie dell’apparato riproduttivo, come la sindrome dell’ovaio policistico e l’endometriosi. Certo – ha proseguito Fabrizio Mellone – sostenere per lunghi periodi una dieta chetogenica può essere impegnativo, non tanto a livello fisico, quanto mentale e sociale; dal momento che comporta numerose rinunce”. Ma la raccomandazione è che qualsiasi dieta va sempre verificata con un esperto medico per non creare danni irreparabili. - (PRIMAPRESS)