Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

La tedesca Bosh mette a punto un dispositivo digitale per la risposta rapida dei test del Covid-19

  • di RED-ROM
  • in Tech
La tedesca Bosh mette a punto un dispositivo digitale per la risposta rapida dei test del Covid-19
(PRIMAPRESS) - STOCCARDA - E’ Bosh, la multinazionale tedesca che produce componenti per le automobili, a proporre per prima , un apparecchio digitale per il test rapido del coronavirus. Le risposte al prelievo con i tamponi effettuato dai sanitari, impiegano sino a tre giorni. Motivo per cui, anche nei dati del monitoraggio del virus diffusi dalla Protezione Civile, in alcuni casi si è passati da una curva piatta ad una sensibile risalita proprio per effetto delle risposte dei campioni che si sono cumulate nei giorni e per il superlavoro a cui sono sottoposti i laboratori di analisi.
Il nuovo test, secondo quanto comunicato dalla stessa azienda, dovrebbe essere disponibile in Germania da aprile. Il test rapido diagnostico molecolare verrà utilizzato sull'analizzatore di Bosch Healthcare Solutions: “Con il test rapido Bosch Covid-19, vogliamo contribuire al contenimento rapido della pandemia di coronavirus. I pazienti infetti possono essere identificati e isolati più rapidamente ", afferma il capo di Bosch Volkmar Denner. Bosch afferma che il processo è uno dei primi test diagnostici molecolari completamente automatizzati che possono essere utilizzati direttamente da tutte le strutture mediche. Il test può essere eseguito sul luogo del trattamento clinico.
“Il tempo - afferma Denner -  è uno dei fattori decisivi nella lotta contro il coronavirus. Secondo la sperimentazione di Bosch Healthcare Solutions, è possibile eseguire fino a dieci test entro 24 ore con un singolo analizzatore.  
Se il dispositivo creato dal ramo “healthcare” del gruppo tedesco dovesse essere riconosciuto dalla  comunità scientifica sarebbe un passo avanti significativo per sottoporre a test campioni più vasti di pazienti contribuendo a dati statistici utilizzabili nella ricerca del vaccino contro il Coronavirus-19. - (PRIMAPRESS)