Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Qundis presenta Q Node 5.5, il nuovo network node per raccogliere tutti i dati dei propri misuratori

  • di RED COM
  • in Tech
Qundis presenta Q Node 5.5, il nuovo network node per raccogliere tutti i dati dei propri misuratori
(PRIMAPRESS) - MILANO - QUNDIS leader europeo nella produzione di sistemi AMR, ripartitori di calore, contatori di calore e d’acqua e smart meter gateway per la gestione di dati dei consumi energetici, conferma la sua predisposizione a guardare al futuro presentando la nuova generazione di concentratori Q Node 5.5, che rappresenta il cuore pulsante della piattaforma di lettura remota dei misuratori Qundis, Q AMR (Automatic Meter Reading). Q Node 5.5 rappresenta, infatti, la base del sistema di lettura a distanza Q AMR. Il dispositivo riceve i dettagli sui consumi energetici dai misuratori e li trasmette alla rete all’interno dell’immobile. In questo modo, in qualsiasi momento, i dettagli sui consumi energetici sono a disposizione per una trasmissione remota. Il potente nodo di rete riceve i dati di consumo dalle apparecchiature di misurazione QUNDIS sia in S-mode che in C-mode, in tal modo salva i dati e distribuisce le informazioni all’interno della rete. Grazie alla comunicazione reciproca, ogni singolo nodo di rete può fornire tutti i valori per la lettura per il conteggio finale dei costi di riscaldamento e di esercizio. Questo principio aumenta la ridondanza dei dettagli sui consumi energetici. Grazie ad una potente prestazione radio intensificata su una frequenza di 868 Mhz, i nodi di rete funzionano molto bene su qualsiasi tipo di costruzione. Infatti, grazie alla peculiarità dei telegrammi C-mode, sfruttando la stessa quantità di energia, si aumentano il raggio e la distanza dei misuratori collegati in rete. La lontananza raggiungibile tra i nodi di rete ed i dispositivi è  più alta, così da ottimizzare al massimo il numero di nodi necessari a coprire l’intero impianto. Questo per il cliente significa non solo una notevole diminuzione sull’impegno d’installazione ma anche una forte riduzione dei costi. Q Node 5.5, inoltre, consente: un sicuro scambio di dati tramite la ricezione e la trasmissione di telegrammi crittografati AES; un semplice passaggio dal sistema Q walk-by alla lettura remota Q AMR; la raccolta di ogni dato senza la necessità di entrare all’interno dei singoli appartamenti; un’immediata fase di avvio, grazie ad una semplice installazione e alla creazione automatica della rete (per un massimo di 12 nodi di rete); piena compatibilità con le versioni precedenti del dispositivo. “Il Q Node 5.5 rappresenta il dispositivo ideale per raccogliere in modo semplice ed immediato tutti i dettagli sui consumi energetici dai misuratori presenti all’interno del proprio edificio – ha commentato Andrea Proietto, Technical Expert di QUNDIS in Italia – tra i vantaggi principali della soluzione QUNDIS va sicuramente segnalata la versatilità del prodotto che consente ad esempio la ricezione simultanea sia dei telegrammi S-mode sia C-mode, la perfetta integrazione nel sistema a lettura remota Q AMR e, non da meno, un netto risparmio sui costi poiché tramite questo strumento è possibile trasformare un impianto attualmente configurato per la lettura locale (walk-by C-Mode) in impianto a lettura remota (AMR C-Mode) senza dover rientrare negli alloggi per riconfigurare ogni singolo dispositivo, con un evidente risparmio di tempo e costi. Anche questo dispositivo QUNDIS è conforme alla direttiva europea sull’efficienza energetica, la cosiddetta EED (2012/27/UE, articolo 7), che stabilisce le disposizioni da adottare, al fine di raggiungere nel 2020 un consumo energetico pari al 20% in meno rispetto alle proiezioni realizzate nel 2007 e che prevede, tra le altre disposizioni, che entro il 25 ottobre 2020 i contatori e i contabilizzatori di calore di nuova installazione debbano essere leggibili da remoto. - (PRIMAPRESS)