Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

La semantica va in soccorso all'antiterrorismo nella rete con la ricerca di Cogito

  • di RED-ROM
  • in Tech
La semantica va in soccorso all'antiterrorismo nella rete con la ricerca di Cogito
(PRIMAPRESS) - MODENA - Portano i nomi di Dante e Trivalent i due progetti finanziati dalla Commissione Europea per progredire nell’interpretazione e nella comprensione dei comportamenti e dei principali punti di attenzione connessi a minacce terroristiche. I due programmi basati sull’analisi semantiche di testi nella rete, si avvalgono della piattaforma di intelligenza artificiale Cogito® di Expert System e della collaborazione con altre società, università, corpi di polizia e amministrazioni pubbliche europee.
L’azienda di analisi cognitive ha arricchito il proprio knowledge graph (Sensigrafo), rappresentazione della conoscenza in cui i concetti sono interconnessi tramite relazioni con una ricerca semantica, con l’introduzione di tassonomie e ontologie specifiche del dominio "terrorismo". Inoltre, è stato realizzato un rilevatore di “narrative” abitualmente utilizzate dai gruppi terroristici per radicalizzare i propri simpatizzanti.  Grazie a una metodologia ibrida (conoscenza acquisita tramite il machine learning integrata alla conoscenza supervisionata), è possibile identificare immediatamente l’uso di linguaggio fuorviante (deceptive language).  I ricercatori di Expert System hanno anche sviluppato un modulo software per determinare la stilometria (stile di scrittura) capace di generare automaticamente modelli semantico-lessicali, partendo da un dataset campione, e di determinare il profilo dell’autore di un testo (sesso, livello culturale, preparazione scolastica, ecc.).
L'intelligenza artificiale di Cogito, permette di estrarre dai testi informazioni rilevanti per l’individuazione di possibili minacce terroristiche, rilevare la presenza di terminologia riconducibile a specifiche narrative, far emergere operazioni di disinformazione, azioni di indottrinamento a fini terroristici e sfruttare gli elementi biometrici della stilometria per identificare se un soggetto sta reclutando e radicalizzando altre persone usando profili diversi. - (PRIMAPRESS)