Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Inter-Juve: il "Palazzo" si è mosso ed ha chiamato Orsato a rimettere le cose al posto giusto?

  • di Paolo Picone
  • in Sport
Inter-Juve: il "Palazzo" si è mosso ed ha chiamato Orsato a rimettere le cose al posto giusto?
(PRIMAPRESS) - MILANO - La Juventus è più forte dell'Inter? Quasi certamente sì e magari avrebbe vinto lo stesso ieri sera a San Siro contro i nerazzurri in undici contro undici. Probabilmente, perchè la prova del contrario non sarà ovviamente mai possibile. Certo è, che già come accaduto con la Lazio all'Olimpico qualche mese fa, la fortuna non aiuta gli audaci, ma quelli "aiutati" da arbitraggi davvero scandalosi, al limite della liceità. E poi ci diranno che i nostri arbitri sono i migliori del mondo. I migliori ad indirizzare con i loro errori o presunti tali, un incontro di calcio verso una direzione ben precisa, questo sì. Purtroppo, nonostante Orsato abbia fatto di tutto ieri con il suo arbitraggio di parte, per poco non era riuscito nell'obiettivo, perchè Icardi e compagni erano riusciti nell'impresa. Poi un allenatore forse scarso quanto l'arbitro ha deciso di sostituire l'unico che correva dalla difesa all'attacco e che avrebbe marcato gli avversari anche in tribuna, il capitano Mauro Icardi. Inspiegabile scelta che ha mandato in bambola tutta la squadra nerazzurra che dopo quasi 80 minuti in inferiorità numerica hanno definitivamente capitolato ed in un due minuti realizzato un suicidio "sportivo" in diretta. Meno male per lo scarso arbitro Orsato (sicuramente ottimo dal punto di vista della Juve) che si è preso la briga di espellere Vecino al 19esimo per un fallo quasi involontario sull'attore premio Oscar Mandzukic e di non aver espulso Pjanic per più di un fallo che gli sarebbe costato la doppia ammonizione. Qualcuno dirà, ma l'espulsione di Vecino è stata certificata dal Var. Si Var che fa vedere la calpestata e che non certifica assolutamente la volontarietà del fallo. Da ricordare anche che regolamento alla mano, la Var può intervenire su rigori, gol viziati da irregolarità, espulsioni dirette e scambi di persone sui cartellini, soltanto in caso di “chiaro errore”. Var che ieri sera era sotto il controllo di un altro arbitro notevolmente sotto la mediocrità che è Valeri. Certo è che senza questo arbitraggio palesemente di parte, la Juventus avrebbe potuto vincere sul campo con merito, oppure perdere con lo stesso merito. Non lo sapremo mai, ma avremo sempre il "sospetto" che il "Palazzo" si è mosso e che il rischio che la Juventus che tanti interessi ha nel mondo del sistema del calcio italiano non possa perdere questo scudetto. Ne ha diritto. E poi qualcuno si domanda perchè i sette scudetti consecutivi (dato per scontato che vincano anche questo) in questi anni non corrispondano neanche ad un trofeo europeo. Chi si fa questa domanda si dia anche la risposta. Ciò che dispiace è che quando c'è la Juventus di mezzo, c'è sempre il sospetto che le cose prendano sempre una certa strada. Chissà cosa avrà pensato ieri sera Buffon della sensibilità e del cuore di Orsato... - (PRIMAPRESS)