Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Bookmaker sportivi in Italia: le novità del settore

Bookmaker sportivi in Italia: le novità del settore
(PRIMAPRESS) - MILANO - Sono trascorsi ormai 20 da quando, nel corso dei Campionati Mondiali di calcio del 1998 in Francia, anche in Italia le scommesse sportive sono divenute del tutto legali. In questo lungo periodo il nostro Paese è riuscito a contenere in modo efficace il dilagare delle scommesse illegali, dall’altro lato il fatturato dei bookmaker sportivi è stato in costante crescita. Conviene però ricordare che i bookmaker effettivamente legali sono solo quelli che possiedono l’autorizzazione da parte dell’AAMS.

Controlli e autorizzazioni
Per poter  entrare a far parte dei bookmakers accreditati dall’AAMS non è sufficiente indicare la propria esistenza; si tratta infatti di un circuito chiuso, con solo alcuni nuovi ingressi permessi periodicamente da parte dello Stato. L’AAMS per altro non solo prende atto delle società che intendono offrire la possibilità di puntare sugli eventi sportivi, ma prima di dare la concessione verifica e controlla che il bookmaker svolga la propria attività in modo del tutto legale. Questo significa che da un lato se si punta su un evento sportivo presso un bookmaker AAMS si ha la certezza di ricevere quanto ci spetta in caso di vincita. Inoltre si sa in anticipo che le quote per la diverse vincite sono assegnate secondo criteri univoci, condivisi tra i diversi bookmaker che operano in Europa. Quindi nessuna brutta sorpresa e l’invito costante a giocare in modo responsabile.

Le nuove leggi in Italia
Il cosiddetto Decreto Dignità contiene alcune regole che coinvolgono anche i bookmaker operanti nel nostro Paese, disponibili sul territorio o presenti in rete. Si tratta sostanzialmente di una ridotta possibilità di pubblicizzare la propria attività sul territorio italiano. In effetti tale divieto riguarda solo i contratti pubblicitari o di sponsorizzazione che si attueranno dopo l’agosto 2018; questo significa che qualsiasi contratto già attivo e di durata elevata, pensiamo a quelli triennali o quinquennali, continuerà ad essere valido sino alla sua naturale scadenza. Nei prossimi mesi è anche possibile che si verifichino cambiamenti in questo senso, visto anche il fatto che una buona fetta delle squadre di calcio del nostro massimo campionato hanno tra i loro sponsor proprio dei bookmakers o delle società che si occupano di gambling.

Come scommettere in rete
Un’ampia fetta di coloro che amano dedicarsi alle scommesse sportive tendono a farlo soprattutto online. La motivazione è semplice: per farlo non serve uscire di casa e il panorama di offerte è decisamente molto ampio. Ci sono poi una serie di proposte particolarmente allettanti, come ad esempio quelle riunite nel sito codice-bonus.net. Stiamo parlando della possibilità di ottenere omaggi in denaro per chiunque attivi un nuovo conto di gioco sul sito dei maggiori bookmakers italiani. I soldi così ottenuti non potranno essere direttamente prelevati, li si deve invece utilizzare per le proprie scommesse sportive sul sito stesso. Un’altra comodità dei siti online dei maggiori bookmakers riguarda la possibilità di accedervi anche tramite comode app per lo smartphone: senza dover quindi avere a disposizione un computer. L’app si apre in pochi secondi e ci permette di puntare sull’evento sportivo nell’immediato, anche mentre lo stiamo seguendo. - (PRIMAPRESS)