Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Balzanelli (Sis 118): "Dotare di saturimetro le persone in isolamento domiciliare per controllare la dispnea"

Balzanelli (Sis 118): "Dotare di saturimetro le persone in isolamento domiciliare per controllare la dispnea"
(PRIMAPRESS) - ROMA - Si chiama “saturimetro” ed è diventato l’oggetto del desiderio dopo le mascherine con filtro. Si tratta di uno strumento digitale a forma di pinza che va indossato sul dito indice, in questo modo esso misurerà il grado di saturazione dell’ossigeno all’interno del sangue e determina anche la frequenza cardiaca del paziente. “Capire se la saturazione sta scendendo sotto i limiti fisiologici, stabiliti in base all’età - spiega il presidente del 118, Mario Balzanelli - ci da la possibilità di stabilire che di lì a breve si potrebbe evolvere in un’angosciante sensazione di fame d’aria. Cioè siamo difronte ad una insufficienza respiratoria. La dispnea - aggiunge Balzanelli  - è stabilito essere uno dei fattori che avverte della sindrome infettiva da Covid-19”. 
Il presidente del 118 spiega, però, che nel momento in cui ci si trova in dispnea, i polmoni sono già compromessi. “Quando il paziente lamenta dispnea i polmoni, infatti, come documentano nella nostra esperienza le TC del torace effettuate al momento stesso dell'ingresso in ospedale,  sono già ampiamente interessati dagli infiltrati infiammatori che rappresentano la base della polmonite virale da COVID-19 e quindi sono in una fase clinica obiettiva di maggiore gravità che, di conseguenza, pone il soggetto a più elevato rischio complessivo di mortalità”.
L'utilizzo del minuscolo apparecchio saturimetro, consente l'immediata  lettura dell’indice di saturazione che se sotto i limiti richiederà di interpellare la Centrale Operativa 118 per effettuare una valutazione contestuale del dato rilevato e l’eventuale decisione di immediato ricovero ospedaliero.
Si otterrebbe, in tal modo, una netta anticipazione dei ricoveri quando gli stessi si rendano necessari, iniziando precocemente le terapie e le probabilità di ricovero nelle terapie Intensive e soprattutto, riteniamo, si conseguirebbe una sostanziale riduzione della mortalità. “Sarebbe un’azione fortemente preventiva - conclude Balzanelli - se il Ministero della Salute potesse autorizzare la dotazione di saturimetri a tutti i soggetti sottoposti al regime di isolamento domiciliare”. - (PRIMAPRESS)