Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV
×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 1519
JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 985

Piacenza 1733 presenta i nuovi tessuti in Asia

Piacenza 1733 presenta i nuovi tessuti in Asia
viviana falace
(PRIMAPRESS) - ROMA - Le ambasciate italiane  sono quasi ovunque territori magici, in cui il gusto italiano rivela un sereno potere fatto di tradizione, armonia e buon senso. Non c’è luogo più prestigioso e più adatto ad ospitare un evento che vuol mettere in evidenza la qualità di tessuti e lavorazioni rigorosamente Made in Italy. La sera del 2 ottobre 2015, nell’Ambasciata di Tokio, il lanificio Piacenza presenterà le sue nuove collezioni di tessuti maschili e lo farà con una formula innovativa, che intende dimostrare fin dove si possa arrivare quando le materie prime d’eccellenza sono affidate ad autentici maestri dello stile. Dopo aver individuato i personaggi più rappresentativi della nicchia artigiana e del prêt à porter, li ha invitate a scegliere alcuni tessuti da trasformare liberamente in capi di loro creazione, invitandoli ad esibire il risultato davanti ai buyer e alla stampa. Come interprete della confezione di alto profilo Stile Latino, di Vincenzo Attolini, realizzerà un cappotto con un ritorto a tre capi in pura lana e un blazer blu con un taglio di cachemire. A rappresentare la pura sartoria ci sarà Luigi Dalcuore, forbice geniale e frizzante già molto apprezzata in Giappone. Per l’occasione ha selezionato tre tessuti e tre modelli da intenditore. Con un puro cachemire grigio a grandi lische di pesce sta cucendo un cappotto a doppio petto sei bottoni con baveri a lancia, gran piegone posteriore e martingala in vita. Con una vicuña purissima in tinta naturale darà vita a una giacca informale, con tasche a toppa e tre bottoni scivolati a due. Infine, da un sontuoso pettinato da lane Super 210’s blu, con micro disegni leggermente retro, sta cesellando un completo doppio petto tra il dandy e il romantico, con giacca a sei bottoni e pantaloni senza passanti con bustino alto, cinturino in vita, spacchetto posteriore e due coppie di pinces all’inglese, cioè che guardano verso l’interno.  - (PRIMAPRESS)