Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Oman: Haitham ben Tarek è il nuovo sultano che succede a Qaboos bin Said

  • di RED-ROM
  • in Società
Oman: Haitham ben Tarek è il nuovo sultano che succede a Qaboos bin Said
(PRIMAPRESS) - MUSCAT (OMAN) - Haitham ben Tarek, il ministro del patrimonio e della cultura dell’Oman è il nuovo Sultano dell'Oman ed ha già prestato giuramento come nuovo sovrano dopo una riunione della famiglia reale che ha eseguito la volontà lasciata in un testamento dal sultano Qaboos sin Said che si è spento ieri notte. 
Qaboos bin Said è stato il più longevo dei sultani omaniti. E’ morto all'età di 79 anni ed era alla guida del Paese dal 1970. "È con tristezza che il sultanato dell'Oman piange il nostro sultano Qabus bin Said, richiamato a Dio venerdì sera", si legge in un comunicato diffuso dalla agenzia di stampa ufficiale Ona. 
Qabus ha governato il Paese della penisola araba per quasi 50 anni. Proclamati tre giorni di lutto. I media di stato hanno lodato Qaboos per la sua "saggia e trionfante marcia piena di tenerezza che ha coperto l'Oman da un estremo all'altro, e si è estesa in tutti i mondi arabo, islamico e internazionale, portando a una politica equilibrata che il mondo intero ha rispettato". Qaboos era nato il 18 novembre del 1940, si era diplomato presso la Royal Military Academy Sandhurst in Inghilterra e aveva servito l'esercito inglese, come riporta l'Oman News Agency. Qaboos ha preso posto del padre con un golpe nel 1970, tentando da allora di allacciare relazioni con gli alleati occidentali. Era il sovrano più longevo del mondo arabo. Ha accentrato il potere nelle sue mani, unificato il sultanato e governato in modo illuminato. Qaboos è considerato uno dei pilastri della politica in Medio Oriente negli ultimi 40 anni: ha mantenuto un ruolo neutrale nelle dispute geopolitiche ma decisivo nella mediazione delle situazioni conflittuali. "Il padre dell'Oman" non aveva figli e per questo motivo aveva lasciato un documento olografo in cui designava il suo successore. - (PRIMAPRESS)