Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

La Procura di Milano apre un fascicolo su presunti fondi russi alla Lega

  • di RED-ROM
  • in Società
La Procura di Milano apre un fascicolo su presunti fondi russi alla Lega
(PRIMAPRESS) - MILANO - La Procura di Milano ha aperto un fascicolo di inchiesta sulla vicenda dei presunti fondi russi alla Lega partita da fonti giornalistiche riconducibili al sito americano BuzzFeed e al settimanale L'Espresso. L'ipotesi di reato è corruzione internazionale.
Tutto sarebbe partito dall’hotel Metropol di Mosca, lo scorso 18 ottobre, immediatamente dopo una visita di Matteo Salvini nella capitale russa. In una sala, a un tavolo sono riuniti sei uomini: tre russi e tre italiani, incluso Gianluca Savoini, storico collaboratore del vicepremier leghista e dal 2013 presidente dell’associazione "Lombardia Russia", da sempre il tramite fra la Lega e Mosca. Uno scenario che aveva, sullo sfondo, un maxi-affare petrolifero con un obiettivo: far arrivare in Italia rubli per finanziare la campagna elettorale del Carroccio in vista delle Europee. Soldi russi per i nazionalisti italiani. Di questo incontro aveva già parlato la rivista L’Espresso a febbraio, in un’inchiesta firmata da Giovanni Tizian e Stefano Vergine, ma è un audio pubblicato ieri dal sito americano BuzzFeed a far riesplodere il caso. Secondo il sito, la registrazione audio di cui è in possesso - della durata di un’ora e 15 minuti - testimonierebbe «la trattativa, alimentata da caffè espresso», che «avrebbe coinvolto un’importante compagnia petrolifera russa che avrebbe dovuto vendere in un anno almeno 3 milioni di tonnellate di carburante all’italiana Eni per un valore di circa 1,5 miliardi di dollari». Acquisto e vendita «sarebbero dovuti avvenire attraverso intermediari, con i venditori che avrebbero dovuto applicare una tariffa scontata a queste transazioni» da cui sarebbero avanzati 65 milioni di dollari, somma che si adombra che la Lega abbia potuto ricevere. In realtà, nel minuto circa di file audio reso disponibile, non si sente Savoini parlare di fondi, ma solo perorare la causa politica della Lega spiegando il quadro in cui il partito si muove: «Il prossimo maggio ci saranno le elezioni in Europa (quelle poi tenute il 26 maggio, ndr). Noi vogliamo cambiare l’Europa con i nostri alleati. E una nuova Europa deve essere più vicina alla Russia perché vogliamo riprenderci la nostra sovranità. Salvini è il primo che vuole cambiare». È una storia che manda su tutte le furie il leader della Lega e vicepremier: «Ho già querelato in passato, lo farò ancora: mai preso un rublo, un euro, un dollaro o un litro di vodka dalla Russia». E a sera risponde a una domanda: «Querelare Savoini? Farò tutto quel che devo fare». La polemica politica è immediata: il Pd (che dà vita a una contestazione alla Camera) chiede che Salvini riferisca in Parlamento, mentre M5s assume una linea un po’ ambigua. Da un lato il Movimento, su Fb, mostra il volto duro sostenendo di «fare l’interesse degli italiani, non di altri Paesi!», ma dall’altro il vicepremier Luigi Di Maio getta acqua sul fuoco stemperando i toni con una battuta: «Sto lavorando, ma meglio Putin che i petrolieri». Durante la lunga conversazione, sempre stando al sito americano, viene fatto più volte il nome di Salvini, definito il «Trump europeo». BuzzFeed dice comunque di non sapere se «l’accordo negoziato al Metropol sia mai stato portato a termine o se la Lega abbia ricevuto i finanziamenti» anche se l’esistenza della registrazione a loro avviso è tale da sollevare «seri interrogativi sui legami tra Mosca e la Lega». Quel che è certo è che Salvini non c’era all’incontro del Metropol, anche se stava a Mosca poche ore prima: il 17 aveva incontrato Dmitry Kozak, il vicepremier russo, ma il 18 era ripartito per Bolzano. Poco si sa degli altri interlocutori. Gli altri 2 italiani si chiamano «Luca» e «Francesco». Il primo ha parlato a lungo, accreditandosi come un avvocato di una banca d’investimento a Londra; il secondo a un certo punto viene definito dagli altri come «nonno». I russi tirano in ballo un certo «mister Pligin», che sarebbe Vladimir Pligin, definito «membro potente» del partito Russia Unita. Dalla geopolitica si passa agli affari e (in audio non diffusi) si parlerebbe di una percentuale del 4% sulla fornitura di petrolio. Verrebbe tirato in ballo «un uomo lì dentro chiamato Mascetti», che fungerebbe da tramite tra Eni e Banca Intesa, e in effetti c’è un Andrea Mascetti che sta nel Cda della filiale russa di Intesa. L’Eni però smentisce qualsiasi ruolo. - (PRIMAPRESS)