Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

I Boy Scout d’America dichiarano fallimento sommersi dalle cause per abusi sessuali

  • di RED-ROM
  • in Società
I Boy Scout d’America dichiarano fallimento sommersi dalle cause per abusi sessuali
(PRIMAPRESS) - USA - William D. Boyce, uno dei fondatori ed ispiratori che diede vita nel 1910 ai “The Boy Scouts of America”, probabilmente si rigirerà nella tomba per l’epilogo che una delle più famose istituzioni per la formazione di giovani sta vivendo per scandali sessuali che hanno portato l’organizzazione a presentare un’istanza di fallimento. 
L’organizzazione, che conta 2,2 milioni di membri tra i 5 e i 21 anni, ha scelto la procedura di salvaguardia per poter continuare la sua attività e creare un fondo di compensazione per le vittime di abusi sessuali.
Il ricorso al “Chapter 11”, presentato nello Stato del Delaware, consente di riunire tutte le cause in un unico tribunale e avviare un negoziato per il patteggiamento. Sono circa 300 le cause legali per cattiva condotta sessuale da parte di dipendenti e volontari. Una simile strategia è stata utilizzata negli Usa da 20 diocesi cattoliche e dalla Usa Gymnastics. 
Dalla fine del 2012 alle fine del 2018 l’organizzazione ha visto crollare del 13% le proprie adesioni. I boy scout hanno perso la principale fonte di supporto quando la chiesa dei mormoni ha interrotto il finanziamento, a seguito dell’annuncio sull’ingresso di transgender tra gli scout. 
“La BSA si preoccupa profondamente di tutte le vittime di abusi e si scusa sinceramente con tutti coloro che sono stati danneggiati durante il loro periodo in Scouting”, ha detto l’amministratore delegato Roger Mosby nella dichiarazione.
Più di 12.000 membri dei Boy Scout hanno subito abusi sessuali dal 1944, ha detto l’anno scorso l’avvocato delle vittime Jeff Anderson. Il legale ha anche detto che i file gestiti dai Boy Scout hanno elencato più di 7.800 presunti autori di abusi sessuali. L’esistenza di tale documentazione - nota come “file di perversione” e che elenca i capi scout o i capi delle truppe accusati di abusi sessuali - è stata rivelata per la prima volta in un caso giudiziario del 2012. - (PRIMAPRESS)