Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Scout trentini, altoatesini e austriaci passano insieme il confine

Scout trentini, altoatesini e austriaci passano insieme il confine
(PRIMAPRESS) - BOLZANO - Una delegazione di scout del Trentino Alto Adige si incontra sabato 28 maggio al Brennero con una delegazione di scout del Tirolo del Nord. Agli scout austriaci sarà consegnata una croce proveniente da Lampedusa, segno della comune responsabilità per un’Europa solidale. A Bolzano, nel pomeriggio, si troveranno decine di gruppi scout (delle varie associazioni) per riflettere e informarsi sul tema delle migrazioni. Apre e chiude la giornata il vescovo di Bolzano-Bressanone Ivo Muser, in stile interreligioso e plurilingue (presenti scout di lingua italiana e tedesca, laici, cristiani e musulmani).
Contemporaneamente un gruppo di ragazzi scout a Lampedusa scrive la “Lettera all’Europa che vorremmo”.
 
Da nord a sud, uniti insieme per costruire ponti. È questo lo spirito che lega le iniziative promosse dagli scout dell’AGESCI in collaborazione con le altre associazioni scout (SP: Südtiroler Pfadfinderschaft, CNGEI: Corpo Nazionale Giovani Esploratori ed Esploratrici Italiani, MASCI: Movimento Adulti Scout, ASMI: Associazione Scouts Musulmani Italiani) e altre realtà regionali e nazionali che avranno luogo nel prossimo weekend.

Sabato 28 maggio, nel pomeriggio, si terrà a Bolzano (presso il Centro pastorale di piazza Duomo) un evento di formazione e di scambio per cominciare a dare attuazione a quanto contenuto nell’Appello per un’Europa solidale.  I temi affrontati in diversi workshop saranno l’accoglienza ai richiedenti asilo in Regione, le cause delle migrazioni, il sostegno all’economia dei paesi poveri, gli stili di vita, l’Europa solidale, il dialogo interreligioso, le migrazioni nella Bibbia. I giovani incontreranno Caritas diocesana, Volontarius, Cinformi,  Formiche, Operazione Colomba, Comunità di S. Egidio, Gas e altri ancora.
 
Al mattino del 28 maggio, alle 9.00, presso il Centro pastorale di Bolzano, il vescovo di Bolzano-Bressanone mons. Ivo Muser benedirà tre croci arrivate da Lampedusa, realizzate con il legno recuperato dai barconi usati dai migranti.
Nel pomeriggio una delegazione partirà con due delle tre croci per il passo del Brennero. Nel piazzale della chiesa di Brennero una delle due croci sarà consegnata alla comunità parrocchiale di confine (che si estende al di qua e al di là del passo). L’altra sarà consegnata ad una rappresentanza di scout austriaci proveniente da Innsbruck, in segno di condivisione, di solidarietà e di corresponsabilità nell’ottica di un’Europa solidale.
 
A Bolzano il pomeriggio si chiuderà verso le 18.30, con una riflessione interreligiosa, presente il vescovo Ivo Muser.
 
L’evento altoatesino è collegato con quanto avverrà sull’isola di Lampedusa.
Sedici giovani scout della Sicilia, che con le loro comunità hanno affrontato i temi dell’immigrazione, dell’accoglienza e dell’incontro, partecipano a “Riflessi sul Mare”, L’evento si svolge a Lampedusa dal 26 al 29 maggio.
I ragazzi presenti incontreranno le persone che da anni, sulla piccola isola, si impegnano per una diversa umanità. Sarà anche occasione per scrivere un appello all’Europa: #pontinonmuri - Lettera all’Europa che vorremmo, una sorta di manifesto scritto dai sedici giovani in rappresentanza dei loro compagni nel resto del Paese. Il documento sarà successivamente consegnato agli scout che parteciperanno all’evento Roverway in Francia nel mese di agosto. - (PRIMAPRESS)