Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

L’European Millennials Festival: 100 reti di young people a confronto per un’Europa più vicina

L’European Millennials Festival: 100 reti di young people a confronto per un’Europa più vicina
(PRIMAPRESS) - SIENA - Riappropriarsi del futuro e far sentire la propria voce sulle decisioni dell’Europa. E’ questo lo spirito dell’European Millennials Festival promosso dall’Università di Siena in collaborazione con il MIUR che richiamerà a Siena, il 30 settembre e 1 Ottobre prossimi, circa 100 reti di young people provenienti da diverse paesi per “Confrontarsi su soluzioni e connessioni utili per la costruzione di un’Europa più vicina ai cittadini, sostenibile ed inclusiva” come spiega il rettore dell’Ateneo senese, Angelo Riccaboni. I rappresentanti della tedesca Jugend Rettet, i greci della Inare, gli inglesi della Global Intercivil, i bulgari della Social Tea house, gli olandesi della Youth Food Movement, i danesi della Djoef, solo per citare alcune delle reti che faranno diventare Siena il centro del dialogo europeo della We Generation, porteranno al centro del dibattito temi e laboratori di pensiero. La due giorni del festival nella città toscana, renderà l’iconica Piazza del Campo, un’agorà dove forme di comunicazione , espressioni e linguaggi dei Millennials si mescolano per dare vita a progetti aprendosi a dibattiti con ospiti come il creativo Oliviero Toscani, la giornalista Lucia Goracci, il magistrato Salvatore Vella, lo chef Francesco Brutto, l’esperto di videogame Roberto Recchioni, l’attore Davide Enia e la blogger egiziana Claudia Galal. Attesi, durante il meeting che farà incontrare i giovani nati tra il 1980 fino alle soglie del 2000, i risultati del sondaggio, realizzato dal dipartimento di Statistica dell’Università di Siena, e diffuso tra le 100 reti europee di studenti per capire il loro pensiero sull’Europa. “Si tratta di una prima rilevazione interamente dedicata ai Millennials sul tema dell'Europa - commenta il rettore Riccaboni - per stabilire quanto spirito europeo ci sia in questa generazione, e per verificare, pur con i limiti di una rilevazione parziale, cosa pensano i più giovani del futuro del Continente, della creazione di nuovi muri e del superamento di Schengen che alcuni auspicano, e dell'influsso dei «nuovi europei» sul nostro futuro, al centro anche di recenti analisi di National Geographic”. La musica, con il suo linguaggio che attraversa tutte le culture, sarà la protagonista del 30 settembre in Piazza del Campo con il concerto di Daniele Silvestri con il suo “Acrobati Summer Tour” mentre il 1 ottobre saranno Ninja e Casacci dei Subsonica a chiudere l’European Millennials Festival.

In basso è possibile scaricare il documento sull'indagine Millenials Europa - (PRIMAPRESS)