Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV
×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 1017
JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 1285

Cagliari, Tocco (FI): "Piano acustico vada incontro a tutti"

  • di RED COM
  • in Sardegna
(PRIMAPRESS) - CAGLIARI - "Il nuovo piano acustico tenga conto sia delle esigenze degli abitanti del centro storico sia delle giuste ragioni degli operatori delle attività produttive, da sempre impegnati nell’offerta di servizi ai turisti che sono alla ricerca di strutture notturne in città". E’ la posizione di Edoardo Tocco (FI), vicepresidente della commissione comunale servizi tecnologici, che vuole porre fine alla guerra dei decibel nelle strade attorno a Marina e Stampace, da sempre centro nevralgico della movida notturna cagliaritana con la presenza di numerosi pub, ristoranti e bed and breakfast che nelle serate estive rilanciano musica ad alta frequenza. "E’ scontato che occorra rispettare i limiti previsti dalle norme – osserva Tocco – con il diritto a garantire il riposo ed i giusti diritti ai lavoratori che risiedono nei rioni storici". Nessuna guerra del rumore, però. "Sin dai prossimi giorni – conclude Tocco, che ha presentato un’interrogazione urgente sul tema – auspico un tavolo di confronto tra i residenti ed i gestori delle attività produttive nel cuore di Cagliari, per far sì che siano comprese le giuste motivazioni delle parti ed evitare delle guerre senza senso. Occorre che la capitale della Sardegna conservi il suo ruolo di attrattiva turistica, ma assicuri i giusti diritti agli abitanti dei centri storici. Vogliamo evitare la guerra del chiasso ed ogni tipo di vandalismo nei punti principali della città". - (PRIMAPRESS)