Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Violazioni norme anti-Covid19: numerose le denunce in provincia di Bari

Violazioni norme anti-Covid19: numerose le denunce in provincia di Bari
(PRIMAPRESS) - BARI - In questi ultimi giorni molteplici sono state le violazioni ai sensi dell’art. 650 del C.P. rilevate dai Carabinieri nei servizi di controllo del territorio nella città di Bari,  Provincia e nella provincia Barletta-Andria-Trani. Numerose persone sono state trovate in gruppi da due a più unità, altre  trovate all’interno di circoli privati ed altre anche  a giocare a carte, altre ancora in giro anche da sole, senza giustificato motivo. Tra queste alcuni giovanissimi che aspettavano l’apertura di un bar, altri che rientravano o stavano andando a casa di amici. Inoltre, nella città di Bari: -       un senegalese, è stato denunciato, dai militari impegnati nei servizi “Strade Sicure”,  in Piazza Umberto, per tentato furto con strappo  di un telefono cellulare ai danni di un passante; -       una 47enne ed un 52enne  residenti in provincia, sono stati denunciati per furto di generi alimentari, per un valore di circa 70,00 euro, consumato all’interno di un supermercato al centro commerciale di Santa Caterina. Ad Alberobello (BA),  un 45enne ed un 54enne sono stati arrestati per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I due, a bordo di un’autovettura, sono stati fermati e controllati da una pattuglia di militari della locale Stazione CC in viale Putignano ed avendo assunto un atteggiamento sospetto, sono stati sottoposti ad una perquisizione personale e veicolare che ha consentito di rinvenire, nel bagagliaio,  due panetti di hashish  del peso di 200 grammi. Su disposizione della competente A.G. i due  sono finiti agli arresti domiciliari   Nella Provincia Bat è stato deferito in stato di libertà un farmacista per violazione dell’art.501 bis c.p. “Manovre speculative su merci”. I militari operanti,  a seguito di una segnalazione pervenuta da un cittadino, hanno verificato che nei giorni scorsi tale farmacia aveva venduto al suddetto cittadino una mascherina  FFP.3 ad un prezzo maggiorato del 53% e 3 mascherine modello chirurgico monouso al prezzo maggiorato del 8.600%. - (PRIMAPRESS)