Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Dal turismo slow a quello run: la prima edizione della Valgrosina Trail

Dal turismo slow a quello run: la prima edizione della Valgrosina Trail
(PRIMAPRESS) - SONDRIO - Crescono sempre di più i Trail alla scoperta di borghi di un’Italia meno conosciuta. A confermarlo era stata anche l’ultima edizione della Borsa del turismo di Milano con i dati di un turismo Active che si divide tra il 50% di appassionati di vacanze natura ed un 52% di trekker che vogliono coniugare la conoscenza di nuovi luoghi ma praticando un’attività fisica. Il calendario 2022 delle gare in spirit trail o trail running è vastissimo. Si parte dal vicentino Ultrabericus al ligure Vibram Maremontana Trail per finire all’UTMB Mont Blanc e all’Ultra Trail Lago d’Orta. A fare il suo esordio in questa stagione è il Valgrosina Trail (valgrosinatrail.it) che si disputerà nella sua prima edizione il 6 agosto 2022. Ad ospitare l’evento organizzato dall’Asd Grosio in collaborazione con il Comune della cittadina alpestre, sono i sentieri del territorio alpino della Valgrosina. Siamo in Valtellina in provincia di Sondrio dove il torrente Roasco sfocia nell’Adda. Il borgo di partenza è Grosio, Gròs come lo chiamano i valtellinesi, che ha una storia che parte dall’età del bronzo e di cui sono testimonianza le incisioni ruprestri della Rupe Magma. Già percorrendo la statale dello Stelvio in direzione di Bormio si intravedono i due castelli che disegnano lo skyline di Grosio: il Castello Nuovo ed il Castello di San Faustino. E’ da qui che si parte per la Valgrosina Trail, su un tracciato di 70 chilometri e 5mila metri di dislivello. Si percorrono le valli di Eita e di Sacco prima dell’arrivo nel verdissimo parco della Villa Visconti Venosta. Ma il trail di questo incantevole angolo della Valtellina, non è solo per gli iron man delle grandi sfide perché si può scegliere tra una distanza di 38 chilometri e una più light di 12 chilometri che seduce semplici appassionati che vogliono godersi la vista spettacolare del tracciato senza rinunciare ad assaggiare uno dei must della valle: la bresaola. Un indirizzo giusto è la Locanda di Giovanna, un locale accogliente nei pressi del Parco Rupestre.



- (PRIMAPRESS)