Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

UE-Georgia: il 7º meeting con l’ex repubblica russa si allinea sugli standard di indipendenza

  • di RED-ROM
  • in Europa
UE-Georgia: il 7º meeting con l’ex repubblica russa si allinea sugli standard di indipendenza
(PRIMAPRESS) - BRUXELLES - Il 7º meeting tra UE e Georgia, in vista della procedura che potrebbe portare il paese dell'ex repubblica sovietica a far parte dell'Europa, tra i punti di confronto ha anche ricordato la necessità degli standard di indipendenza che dovrà osservare la nazione a partire dall'operato della magistratura, il diritto a un processo equo e lo Stato di diritto sono impegni essenziali della Georgia nell'ambito dell'accordo di associazione UE-Georgia. L'UE ha esortato la Georgia a garantire efficacemente l'indipendenza, l'integrità e la responsabilità degli organi giudiziari e dei pubblici ministeri e ad adottare e attuare un'ambiziosa strategia di riforma giudiziaria dopo il 2021, basata su un processo ampio, inclusivo e interpartitico, in linea con le norme europee e il raccomandazioni della Commissione di Venezia.

L'UE ha sottolineato la necessità di garantire indagini efficaci ed efficienti sulla violenza contro i professionisti dei media nel contesto della marcia del Pride di Tbilisi del 5 luglio 2021 e di rafforzare le misure preventive. L'UE ha esortato la Georgia a consegnare alla giustizia tutti i responsabili, pur prendendo atto delle misure adottate finora. L'UE ha accolto con favore il fatto che gli eventi legati all'orgoglio di Tbilisi nel 2022 si siano svolti in un'atmosfera pacifica.

L'UE ha sottolineato il suo fermo sostegno alla sovranità e all'integrità territoriale della Georgia entro i suoi confini internazionalmente riconosciuti. Il Consiglio di associazione ha riaffermato il suo fermo impegno per la risoluzione dei conflitti in Georgia attraverso un approccio globale, compresa la politica dell'UE di non riconoscimento e impegno, e con la debita attenzione all'agenda per le donne, la pace e la sicurezza. Il Consiglio di associazione ha sottolineato l'importanza fondamentale dei dibattiti internazionali di Ginevra e dei meccanismi di prevenzione e risposta agli incidenti (IPRM) per affrontare e risolvere le sfide derivanti dal conflitto tra Russia e Georgia nell'agosto 2008.

L'UE e la Georgia hanno deplorato la continua attuazione dei cosiddetti "trattati" sull'integrazione firmati tra la Federazione russa e le regioni georgiane dell'Abkhazia e della regione di Tskhinvali/Ossezia meridionale e altre attività illegali della Russia in queste regioni, in violazione della sovranità della Georgia e l'integrità territoriale, compresa la costruzione militare e l'installazione di recinzioni di filo spinato lungo la linea di confine amministrativa. Il Consiglio di associazione ha espresso preoccupazione per la grave situazione dei diritti umani nelle regioni georgiane dell'Abkhazia e della regione di Tskhinvali/Ossezia meridionale, in particolare per quanto riguarda le detenzioni arbitrarie, le restrizioni al diritto alla libera circolazione, la violazione dei diritti di proprietà e l'istruzione nella lingua madre, discriminazione etnica dei georgiani e impunità nei casi di privazione della vita dei cittadini georgiani. Il Consiglio di associazione ha sottolineato la necessità di un accesso senza ostacoli da parte dei meccanismi internazionali umanitari e dei diritti umani delle pertinenti organizzazioni internazionali, nonché della missione di monitoraggio dell'UE (EUMM), a entrambe queste regioni georgiane. Il Consiglio di associazione ha sottolineato l'importanza del sostegno ai contatti interpersonali e delle misure volte a rafforzare la fiducia attraverso le divisioni. - (PRIMAPRESS)