Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Coesione europea: ecco i contenuti approvati dal Consiglio con l’8ª relazione

  • di RED-ROM
  • in Europa
Coesione europea: ecco i contenuti approvati dal Consiglio con l’8ª relazione
(PRIMAPRESS) - BRUXELLES - Il Consiglio europeo ha approvato oggi le conclusioni sull'ottava relazione della Commissione sulla politica di coesione europea.
Nelle sue conclusioni, il Consiglio riconosce che la relazione si colloca nel contesto di crisi (pandemia di COVID-19 e aggressione militare della Russia contro l'Ucraina) e sfide a lungo termine (come i cambiamenti climatici e demografici) che hanno un impatto asimmetrico sugli Stati membri dell'UE e regioni.
Il Consiglio, nell' sua nota conclusiva, sottolinea che la politica di coesione dovrebbe tenere debitamente conto delle esigenze e del potenziale dei territori, consentendo loro di indirizzare gli investimenti più rilevanti a livello locale.
I punti principali delle conclusioni sono i seguenti:
Il Consiglio ritiene che gli investimenti dovrebbero essere orientati verso le opportunità di crescita offerte dalle transizioni verde e digitale per evitare nuove disparità;
Il Consiglio riconosce inoltre che il pilastro europeo dei diritti sociali sostiene le azioni degli Stati membri per una società più giusta e inclusiva;
Chiede il rafforzamento dell'istruzione e della formazione professionale al fine di preparare meglio i cittadini ad affrontare le transizioni nelle nostre società.

Le conclusioni, inoltre, sottolineano l'importanza della dimensione locale della politica di coesione e ricordano che occorre prestare particolare attenzione alle zone rurali, alle zone interessate dalla transizione industriale e alle regioni che soffrono di handicap naturali o demografici gravi e permanenti.

Il Consiglio raccomanda di prestare maggiore attenzione ad alcune regioni a reddito medio che stanno stagnando o sono in recessione da molti anni. La politica di coesione dovrebbe aiutare questi territori a trovare nuove fonti di crescita e impedire che altre regioni europee si trovino in una situazione del genere.
Per quanto riguarda l'aggressione della Russia contro l'Ucraina, le conclusioni riconoscono le specifiche sfide economiche e sociali che devono affrontare le regioni confinanti con la Russia e la Bielorussia, nonché quelle confinanti con l'Ucraina e la Repubblica di Moldova, che incidono sul loro sviluppo regionale.
Una politica di coesione più semplice a sostegno degli investimenti a lungo termine
Il Consiglio sottolinea che la politica di coesione ha l'obiettivo di sostenere strategie per lo sviluppo a lungo termine, ma ha comunque aiutato alcune regioni ad attenuare gli effetti delle recenti crisi.
Il Consiglio ricorda inoltre l'importanza di garantire l'effettiva attuazione del sostegno dell'UE, in modo trasparente e conformemente alla Carta dei diritti fondamentali dell'UE.
Le riflessioni del Consiglio per il futuro Guardano alla politica di coesione dopo il 2027, al fine di definire una serie di regole più semplici ed efficaci ed evitare la tendenza a moltiplicare i fondi. - (PRIMAPRESS)