Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV
×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 1178
JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 1154
JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 1116

Il cuore dell'Etna, alla Società "Carlo Papa" evento culturale dedicato al vulcano

(PRIMAPRESS) - MODICA (RG) - Un libro e una mostra fotografica per raccontare l'emozione e lo spettacolo del vulcano più alto d'Europa. Venerdì 31 marzo alle ore 18,30 nei locali della Società operaia di mutuo soccorso "Carlo Papa" in Corso Regina Elena 13, a Modica Alta, si terrà la presentazione del libro Il cuore dell'Etna di Stefano Pannucci, Santino Mirabella e Salvatore Caffo (Edizioni Arianna, 2017).

Ne parleranno gli autori: Stefano Pannucci, geologo e vulcanologo, appassionato di fotografia e innamorato dell'Etna; Santino Mirabella, magistrato del Tribunale di Catania, saggista e scrittore, presidente dell'Associazione Efesto; Salvatore Caffo, geologo e dirigente vulcanologo dell'Ente Parco dell'Etna; e l'editrice Arianna Attinasi. Dialogherà con loro Michele Armenia, docente di Lettere presso l'Istituto d'Istruzione superiore "Galilei – Campailla" di Modica. Le poetesse Enza Giurdanella e Sofia Ruta leggeranno alcuni brani del libro, intervallati dalle note e dalle melodie del duo "Y Guisar". Presiederà l'incontro Giorgio Casa, presidente della Società operaia "Carlo Papa".

Il volume raccoglie storie, scatti ed emozioni di tre amici che, per lavoro e per passione, vivono intensamente il rapporto con la Montagna, ne perlustrano i sentieri con lo zaino in spalla e la macchina fotografica a tracolla per cogliere la magia e l'armonia selvaggia dei luoghi.

Oltre al libro sarà inaugurata la mostra fotografica omonima di Stefano Pannucci. L'autore, grazie agli scatti e ai filmati realizzati anche con l'ausilio di un drone, condurrà lo spettatore in un fantastico viaggio alla scoperta di scenografie naturali inedite e di straordinaria bellezza, tra crateri secondari innevati e coni di cenere scura. L'analisi delle immagini sarà affidata al critico fotografico Mario Caruso, avvocato con talentuosa passione per la fotografia.

La mostra resterà aperta dal 1° al 16 aprile e potrà essere visitata tutti i giorni dalle ore 8 alle 13.30 e dalle ore 15 alle 21. Ingresso gratuito.


Info e contatti
Inpress ufficio stampa
cell. 329 3167786
mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - (PRIMAPRESS)