Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Migranti: arriva l'autorizzazione dalla Spagna per l'approdo a Valencia della nave Aquarius con 629 profughi

  • di RED-ROM
  • in Cronaca
Migranti: arriva l'autorizzazione dalla Spagna per l'approdo a Valencia della nave Aquarius con 629 profughi
(PRIMAPRESS) - ROMA - La vicenda della nave Aquarius con 629 migranti a bordo sembra avere un epilogo con la disponibilità arrivata dalla Spagna. E’ il neo-governo di Sanchez a dare l’autorizzazione all’approdo nel suo porto di Valencia per accogliere gli immigrati che da due giorni sono stati salvati lungo le coste libiche ma avevano ottenuto il rifiuto da Malta per l’ingresso in porto. Un rifiuto che ha fatto infuriare il ministro degli Interni Salvini opponendosi anch’egli alla richiesta di approdo in Italia. 
La mossa della Spagna: “Li accogliamo noi i migranti dell’Aquarius”, ha evitato che la vicenda prendesse toni drammatici, tuttavia, il braccio di ferro iniziato da Salvini sembra aver prodotto qualche effetto sull’UE almeno dal punto di vista della discussione che dovrebbe rivedere la situazione degli accordi di accoglienza e redistribuzione dei profughi.
“È nostro dovere contribuire ad evitare una catastrofe umanitaria e fornire un porto sicuro a queste persone, adempiendo così agli obblighi del diritto internazionale” ha dichiarato Sánchez ma c’è da dire che finora la Spagna aveva chiuso le porte ai migranti riversando su Italia e Grecia il difficile compito di fronteggiare l’emergenza degli sbarchi.
Già in mattinata era stata la sindaca di Barcellona, Ada Colau, ad affermare che i porti spagnoli sarebbero stati disponibili ad accogliere le centinaia di persone imbarcatesi in Libia: “Le città devono rispettare i diritti umani, Barcellona e Madrid stanno già accogliendo persone e lo vogliamo fare bene, vogliamo organizzarci con le altre città e con il governo spagnolo”. Dunque, un cambio di rotta repentino quello della Spagna che potrebbe allentare la pressione sull’Italia. - (PRIMAPRESS)