Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Il flashmob della community Treedom accende i riflettori sulla riforestazione accanto al movimento Friday For Future

  • di RED-ROM
  • in Ultimora
Il flashmob della community Treedom accende i riflettori sulla riforestazione accanto al movimento Friday For Future
(PRIMAPRESS) - ROMA – Diciotto grandi alberi di tessuto sostenuti dalle mani di ragazzi e bambini che disegnano un’ enorme ellissi intorno a Piazza del Popolo e, al centro, un grande hashtag: #letsgreentheplanet. È il flashmob organizzato da Treedom, la prima community web al mondo che permette di piantare alberi a distanza e seguirli online. Un’iniziativa resa possibile, come tutto questo Friday For Future romano, dalla partecipazione di giovani e giovanissimi che, rispondendo all’appello dell’attivista svedese Greta Thunberg, sono scesi in piazza per rivolgersi ai governi, chiedendo a gran voce azioni concrete contro i cambiamenti climatici e reclamando il proprio diritto al futuro. La manifestazione romana ha visto una partecipazione enorme, nonostante sia un venerdì di festa, confermando così che i ragazzi italiani sono quelli che in maggior numero sono scesi in piazza a sostegno di Greta e che, quindi, non si può non ascoltarli e sostenerli. Ed è quello che ha deciso di fare Treedom, che ha voluto amplificare il messaggio della manifestazione con un evento che coinvolgesse bambini e ragazzi delle scuole fiorentine, che hanno disegnato, colorato e realizzato gli alberi in tessuto portandoli poi in viaggio in autobus da Firenze a Roma.
«Dopo il primo climate strike del 15 Marzo» ha dichiarato Federico Garcea, CEO di Treedom  «in cui ho esortato tutti i nostri 30 dipendenti a scendere in piazza, ho pensato che dovevamo dare voce a quella moltitudine di ragazzi. Ci avevano fatto emozionare e pensare a un futuro migliore per il nostro pianeta. Così abbiamo deciso di portare la loro voce e soprattutto i loro disegni in piazza a Roma». - (PRIMAPRESS)