Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Decretone, domani terza rilettura al Senato con la possibilità di richiedere la fiducia

  • di RED-ROM
  • in Cronaca
Decretone, domani terza rilettura al Senato con la possibilità di richiedere la fiducia
(PRIMAPRESS) - ROMA - Domani, lunedì 18 marzo, il cosiddetto “decretone”, il dl che contiene anche il reddito di cittadinanza e Quota 100, andrà all’aula del Senato per la terza rilettura. Le commissioni Lavoro e Affari sociali della Camera hanno completato l'esame degli emendamenti e dato mandato al relatore, che presenterà il provvedimento. Non è esclusa ancora l'ipotesi che il governo ponga la fiducia, visto che il dl deve essere convertito in legge entro il 29 marzo quindi con un tempo molto risicato per l’approvazione. 
Tra le novità riportate ci sarà la possibilità del Riscatto della Laurea che allarga il vantaggio anche agli ultra 45enni. Approvato anche l’emendamento che prevede il ritiro della pensione di cittadinanza anche con "strumenti ordinariamente in uso per il pagamento delle pensioni" quindi sia alle Poste che in banca in contanti. 
Per i disabili si aprono possibilità anche per quelle situazione in cui "il componente o i componenti del nucleo familiare di età pari o superiore ai 67 anni convivano esclusivamente con una o più persone in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza". Rivista anche la scala di equivalenza per rafforzare il contributo ai nuclei che hanno a carico familiari disabili, che potrà arrivare ad un valore massimo di 2,2 (normalmente il valore massimo è 2,1). Con questo ritocco, il beneficio sarà maggiorato di 50 euro, salendo dai 1.330 attuali a 1.380. 
Si restringe, invece, la possibilità per single di fare domanda per l'accesso al reddito di cittadinanza. Per "evitare comportamenti opportunistici" ai fini del calcolo Isee, in presenza di figli minori, farà parte del nucleo familiare anche il genitore non convivente o non sposato. - (PRIMAPRESS)