Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Motorismo storico: si rinnova l'accordo delle federazioni Fia e Fiva presiedute da John Todt e Patrik Rollet

Motorismo storico: si rinnova l'accordo delle federazioni Fia e Fiva presiedute da John Todt e Patrik Rollet
(PRIMAPRESS) - PARIGI -  Parigi, Jean Todt e Patrick Rollet, presidenti di FIA e FIVA, hanno rinnovato l'accordo di collaborazione tra le due federazioni internazionali per lo sviluppo del motorismo storico, con particolare attenzione all'uso sempre più consapevole e responsabile dei veicoli d'epoca. Un documento d'intesa (formalizzato per la prima volta nel 1974 e riconfermato nel 1999) che sottolinea la cooperazione degli enti nella difesa e nella promozione della libertà di utilizzo dei veicoli storici, con particolare attenzione sugli aspetti legati alla cultura e alla sicurezza. Riconfermata anche l'attività della commissione composta da sei membri (tre di FIA e tre di FIVA) con l'obiettivo primario di rilevare eventuali problematiche del comparto e suggerire relative soluzioni.
Infine, viene ribadita la competenza della FIA in ambito sportivo e demandata alla FIVA la supervisione delle manifestazioni non competitive. Gli eventi di regolarità (con velocità medie che non devono superare i 50 km/h su strade aperte al traffico) non vengono considerate attività sportive e potranno essere gestite da entrambe le federazioni (e le rispettive associazioni nazionali).
"Questo accordo è molto importante - ha commentato Alberto Scuro, presidente dell'Automotoclub Storico Italiano, ente nazionale aderente alla FIVA - perché apre un nuovo capitolo di collaborazione tra le due più importanti federazioni internazionali che governano il settore automobilistico. Un accordo che ha l'obiettivo di tutelare e promuovere sempre di più il motorismo storico, ma con la consapevolezza di dover considerare anche le problematiche legate alla sicurezza e alla responsabilità". - (PRIMAPRESS)