Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Dopo l'Ambiente anche lo Sport francese nella bufera con le dimissioni della ministra Flessel già sostituita con la nuotatrice Roxana Maracineanu

Dopo l'Ambiente anche lo Sport francese nella bufera con le dimissioni della ministra Flessel già sostituita con la nuotatrice Roxana Maracineanu
(PRIMAPRESS) - PARIGI - Per Emmanuel Macron, precipitato nei sondaggi sotto il 30%, dopo le dimissioni del ministro dell’Ambiente Nicolas Hulot, sono arrivate quella della ministra allo Sport, Laura Flessel, già sostituita con la giovane campionessa di nuoto Roxana Maracineanu di origini rumene. Se Hulot, sostituito con l’attuale presidente dell’Assemblea nazionale, Francois Rugy, aveva lasciato il suo dicastero in polemica con il governo per assenza di politiche strategiche per l’ambiente, la Flessel non ha fornito spiegazioni se non con “motivi personali”. 
Un duro colpo per il presidente Macron che si ritrova a dover fare i conti con la vacillante governance del paese ma anche con le questioni degli scontro in Libia su cui non ha ancora espresso una sua posizione. 
L’ex ministra Laura Flessel, vincitrice di due medaglie d’oro, una d’argento e due di bronzo ai Giochi olimpici, era stata nominata ministra nel maggio del 2017. Nel comunicato in cui parla delle sue dimissioni, Flessel ha ricordato il lavoro svolto fino ad oggi: ha scritto di aver posto «le basi per una profonda revisione del modello sportivo francese e della sua governance» e ha parlato di un anno «eccezionale». Ora la Maracineanu dovrà raccoglierne l’eredità e concentrarsi sulle Olimpiadi del 2024 e la Coppa del Mondo di rugby del 2023. - (PRIMAPRESS)