Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

La Spagna torna al voto per la quarta volta ma i sondaggi non vedono maggioranze stabili. Cresce la destra con Vox e l'insofferenza catalana

La Spagna torna al voto per la quarta volta ma i sondaggi non vedono maggioranze stabili. Cresce la destra con Vox e l'insofferenza catalana
(PRIMAPRESS) - MADRID - La Spagna va al voto questo weekend per il rinnovo del Parlamento. L’instabile maggioranza politica ha determinato ancora una volta le elezioni anticipate che si terranno domenica prossima, le quarte negli ultimi quattro anni. Un record che ha persino superato l’Italia. Il voto era stato convocato dopo che le due principali forze di sinistra spagnole uscite dalle elezioni di aprile, Partito Socialista (PSOE) e Unidas Podemos, non erano riuscite a trovare un accordo per formare un governo.
Gli ultimi sondaggi, dei maggiori quotidiani spagnoli, non promettono niente di buono a favore della stabilità anche per tutto ciò che accaduto dopo la sentenza di oltre 100 anni di carcere inflitto agli ex leader separatisti. Lo scenario che si intravede è quello di un partito socialista che pur sfiancato nei consensi riuscita a prendere una maggioranza relativa ma che non basterà per formare un governo.
L’outsider potrebbe essere Vox, il partito di destra radicale guidato da Santiago Abascal, che rispetto alle precedenti elezioni, potrebbe diventare il terzo partito. Una crescita che secondo gli analisti politici sarebbe da ricercare proprio nella crisi catalana e che ha caratterizzato, come prevedibile, tutta la campagna elettorale.  - (PRIMAPRESS)