Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Flessione per il partito della Merkel alle europee ma la sorpresa sono i verdi spinti dall'influencer Rezo

Flessione per il partito della Merkel alle europee ma la sorpresa sono i verdi spinti dall'influencer Rezo
(PRIMAPRESS) - BERLINO - Il partito di Angela Merkel (Cdu-Csu) è ancora il primo partito della nazione ma parte vistosamente terreno. Il dato più significativo del voto tedesco per queste europee è quello dei Verdi che hanno trovato consensi sopratutto nei più giovani tanto da far superare il partito del Spd e strappare loro il secondo posto. In Germania c’è stata una affluenza record del 60%, registrata come la più alta in assoluto, ed è anche una risposta al rallentamento dell’economia a trazione tedesca che ha caratterizzato l’Unione Europea sin dalla sua formazione.
L'Unione Cdu-Csu è sì il primo partito, ma lascia sul terreno diverse migliaia di voti. Tanto che si comincia anche a temere per la tenuta del governo a Berlino. Dalla Cdu, comunque, ci si affretta a confermare che il cancellierato di Merkel continuerà fino alla scadenza naturale della legislatura. Fa peggio l’Spd: sorpassata dagli ambientalisti come seconda forza del Paese, per la prima volta dalla Seconda guerra mondiale perde anche il comune di Brema. Volano, ben oltre le aspettative, i Verdi.
Gli ambientalisti, grandi vincitori del voto, esultano. "Adesso cambiamo insieme questa Europa", ha ringraziato commossa la co-leader Annalena Baerbock. I tedeschi, ha detto, si sono espressi "per la protezione del clima, per la democrazia, contro il populismo e per i diritti dell'uomo". Tutti temi che hanno dominato la campagna elettorale e che i partiti della maggioranza che sostiene Angela Merkel, ammettono i loro stessi leader, non sono stati capaci di affrontare adeguatamente. Spd e Cdu, cui i Verdi hanno sottratto più o meno un milione di voti ciascuno, hanno perso soprattutto tra i giovani elettori: probabilmente ha influito anche il video virale su YouTube dell'influencer Rezo che incitava a non votare i partiti di governo accusandoli di non aver fatto abbastanza per la protezione del clima. - (PRIMAPRESS)