Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Crolla l’export tedesco (-8%) e salgono le tensioni contro il governo dell’austerity

Crolla l’export tedesco (-8%) e salgono le tensioni contro il governo dell’austerity
(PRIMAPRESS) - BERLINO - L’export tedesco crolla con un sonoro -8%. Un calo così vistoso non si vedeva da luglio 2016: a giugno l’export tedesco ha segnato la flessione più forte da tre anni su base annua con un -8%. Su base mensile, si è registrato un -0,1%. Dati che confermano il peggioramento del settore manifatturiero per l’impatto delle tensioni commerciali in un Paese che risulta in difficoltà per la produzione industriale. Sotto accusa l’austerity di Angela Merkel e della Grosse Koalition, mentre gli economisti chiedono maggiori investimenti Le importazioni sono diminuite del 4,4% annuo, mentre su base mensile si è avuto un +0,5%. E anche la bilancia commerciale della Germania peggiora, evidenziando un surplus in calo più del previsto: è sceso a 16,8 miliardi dai 20,6 del mese prima, un livello inferiore alla stima media di 19,5 miliardi. A giugno il surplus commerciale si è attestato a 16,8 miliardi di euro, contro i 20,6 miliardi del mese precedente. Gli analisti si aspettavano una flessione più contenuta a 19,5 miliardi. Le esportazioni sono scese dello 0,1%, contro l’aspettativa di una variazione nulla, mentre le importazioni sono aumentate dello 0,5%, più delle stime. - (PRIMAPRESS)