Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Merkel al Bundestag ricorda che siamo ancora nella pandemia e le frontiere con l’Italia rimarranno chiuse

Merkel al Bundestag ricorda che siamo ancora nella pandemia e le frontiere con l’Italia rimarranno chiuse
(PRIMAPRESS) - BERLINO - La chiusura delle frontiere tedesche verso l’Italia resteranno ancora in vigore. Questo è il pensiero espresso questa mattina dalla cancelliera Angela Merkel: “Siamo ancora nella pandemia e ci saremo ancora e lungo", e Angela Merkel vede "un obbligo: non mettere a rischio quello che abbiamo fatto". La cancelliera lo ha detto rispondendo alle domande dei deputati nel Bundestag tedesco. Merkel ha messo in guardia dal "rischio di una ricaduta", ricordando che tutto ciò che è stato raggiunto in Germania nella gestione del Coronavirus è stato possibile grazie alla coesione di cittadini, economia e Stato. "Sarebbe deprimente se, per volere troppo e troppo velocemente, dovessimo poi tornare indietro", ha aggiunto. "Siamo coraggiosi e vigili",ha esortato, chiedendo che nei posti di lavoro, nelle attività economiche che riprendono, nei luoghi in cui si farà sport, "si rispettino le regole di base", come il distanziamento e l'igiene delle mani. "Io sono convinta che se restiamo coerenti ci guadagniamo tutti". Non pianifichiamo aumento delle tasse Non ci saranno in Germania aumenti delle tasse per finanziare la crisi derivante da coronavirus. Merkel ha ricordato i sostegni decisi al mercato del lavoro e gli aiuti alle aziende. "Sono contenta che la pandemia ha raggiunto la Germania mentre era in una buona situazione economica", ha spiegato la cancelliera, perché "abbiamo la possibilità di superare bene" la crisi.      Nuovi regolamenti nei mattatoi Merkel ha anche annunciato nuovi regolamenti per la situazione dei macelli in Germania, in molti dei quali si sono sviluppati nuovi focolai del coronavirus. "Ci sono arrivate notizie spaventose dall'industria della lavorazione della carne", ha aggiunto la cancelliera spiegando che la questione riguarda in particolare la sistemazione di molti lavoratori in alloggi collettivi. Lunedì prossimo il ministero al Lavoro presenterà, ha reso noto Merkel, nuovi progetti per affrontare il problema dei mattatoi.  - (PRIMAPRESS)