Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Michela Giraud Cyberbullismo, haters e sessualizzazione digitale

  • di RED COM
  • in Radio&Tv
Michela Giraud Cyberbullismo, haters e sessualizzazione digitale
(PRIMAPRESS) - (ROMA) - Intervistata da Luca Bussoletti e Giuliano Leone durante la puntata del talkshow “Lingue a Sonagli” trasmessa ieri 4 dicembre su RadioRock dal palco de Na Cosetta di Roma, la nota comica di Colorado Michela Giraud, spalla di Fiorello su RaiPlay per “Il posto giusto”, ha raccontato di insulti e molestie sessuali, cyberbullismo e sessualizzazione digitale che lei e tante altre donne subiscono ogni giorno sui social. Su queste forme di violenza psicologica e sessuale online, la Giraud, con la tagliente ironia che la contraddistingue, ha dichiarato: «Mi molestano molto. Sui social mi scrivono cose molto pesanti. Una volta uno mi ha scritto “Ti sfondo” e mi ha mandato la foto del pene con accanto il metro ed erano 12 centimetri! Io non capivo. M’aveva preso per un colibrì? Amico mio, non puoi vivere di sogni. Quelli sono gli artisti». È una supernova Michela Giraud, la comica e Youtuber protagonista dei video di Educazione Cinica, attualmente spalla nello show di Fiorello, ospite ieri alla puntata di “Lingue a Sonagli”, il salotto sgualcito di Radio Rock condotto dal palco de Na Cosetta (Roma) dal cantautore Luca Bussoletti e da Giuliano Leone, puntata durante la quale la Giraud ha rilasciato delle dichiarazioni molto forti pronunciandosi su tematiche sociali mai rilevanti come oggi: sexting, molestie sessuali, cyberbullismo. «Quando ti molestano tu devi dare una risposta talmente forte per cui loro si devono sentire ridicolizzati. Devi far capire che tu non sei soggiogata psicologicamente e sei messa all’angolo. Tu ti rigiri, prendi il coltello ed afferri il manico per affondare il colpo». - (PRIMAPRESS)