Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Francesco Barberini, il 12enne ornitologo protagonista della puntata di Explorer su Rai Gulp

  • di RED-ROM
  • in Radio&Tv
Francesco Barberini, il 12enne ornitologo protagonista della puntata di Explorer su Rai Gulp
(PRIMAPRESS) - ROMA - È l’aspirante ornitologo di 12 anni, Francesco Barberini, il protagonista della puntata di #Explorers, il magazine di Rai Gulp, in onda venerdì 1 novembre. Lo studente del viterbese frequenta le scuole medie ed è appassionato della natura e del mondo degli uccelli, che sa riconoscere, fotografare e studiare. Un’attività che lo ha fatto riconoscere dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, come “alfiere della Repubblica” ed anche il più giovane ambassador del brand di binocoli Swarovski Optik.   Un documentario sulla natura visto a 3 anni ha fatto scattare in Francesco una molla che lo ha portato a diventare un cultore del mondo degli uccelli. A casa vive con galline e pavoni, ma sono soprattutto gli uccelli liberi del bosco a fargli passare ore all’aria aperta con bussola, richiami sonori, macchina fotografica. Ha scritto e pubblicato già tre libri e partecipato a tantissime conferenze. La sua incredibile attività di divulgatore scientifico è stata premiata dal Presidente della Repubblica, che gli ha conferito la carica di  Alfiere della Repubblica. Ma Francesco non è un eremita. Vive ad Acquapendente e insieme ai suoi amici ci mostra i giochi, le scoperte e i segreti di una cittadina piena di vita e di risorse, passando per l’Acquario di Bolsena e i Mostri di Bomarzo, e per luoghi incredibili come il Parco dei cinque sensi e il Museo del Fiore. #Explorers fa tappa anche a Maccarese, vicino Roma, dove il giovane Alessio è diventato un campione e un simbolo della raccolta differenziata dei rifiuti. Perché la natura è di tutti, ma soprattutto dei più giovani. - (PRIMAPRESS)